Il cibo quello buono: socialmente, economicamente e ambientalmente parlando

di Giulia Bassetto. Riprese di Juan Torregrosa

Sinergia; resilienza; rispetto della tradizione contadina; ritmo naturale della Pachamama; movimento socio-politico; sguardo lungimirante e approccio olistico; risposta al cambiamento climatico

Se stessimo giocando alle parole crociate queste probabilmente sarebbero varie definizioni utilizzate per indovinare ‘agroecologia’. 

L’agroecologia non può infatti essere descritta da una singola parola o definizione in quanto racchiude in sé diversi settori e sfere; in primis il settore agroalimentare che viene circoscritto all’interno della sfera sociale, politica ed economica.

Se da un lato la definizione di agroecologia risulta essere molto estesa, dall’altro però il suo approccio è invece molto chiaro: favorire i fattori economici tanto quanto quelli ambientali e sociali, partendo dalla convinzione che il minimo cambiamento in una di queste tre sfere può sconvolgere l’intero sistema (agricolo e non solo). Approccio che noi, in Vivila in 3D, stiamo cercando di trasmettere e diffondere.

Una definizione

Non esiste un’unica definizione di agroecologia né tantomeno è un concetto nuovo: ce lo insegna infatti la tradizione contadina, particolarmente sentita nelle comunità latino americane, ricche della loro storia e cultura agraria.

Come ci spiega uno dei maggiori referenti dell’agroecologia, Miguel Altieri (agronomo e professore cileno), l’agroecologia va concepita come un ricco conglomerato di principi il cui obiettivo finale è quello di produrre in modo migliore senza pesticidi chimici, riducendo gli input esterni e gli impatti negativi ad ambiente e società (Altieri, 1995).

Il pensiero e l’approccio agroecologico seguono un pensiero circolare e olistico che cerca di arrivare alla radice del problema attraverso soluzioni non convenzionali derivate dalla conoscenza scientifica e dalle consapevolezze locali, evitando pratiche  di immediata applicazione, come i pesticidi. Questo perché ogni contesto è a sé stante, unico e specifico e non può dunque essere approcciato in maniera universale (Ecoportal.net, 2016). L’agroecologia ha una visione completa dell’ecosistema: unisce il sapere contadino al mondo accademico; la tradizione alla conoscenza scientifica; l’innovazione tecnologica al ritmo della terra nel rispetto della biodiversità.

L’evoluzione del modello agroecologico trova le sue radici nella storica necessità di esprimere una forma di resistenza al modello agricolo industriale ‘convenzionale’, trovando un modello alternativo all’odierno che si basa sulla semplificazione, l’industrializzazione, la monocultura e l’esportazione dei prodotti (Gliessman, 2017). 

Negli anni poi, l’agroecologia è stata declinata in quelli che oggi sono i suoi tre principali elementi: le pratiche, la scienza e il movimento sociale

Le pratiche più utilizzate, comprendono la rotazione delle colture, la diversificazione delle specie, l’uso di semi nativi e l’assenza totale di fertilizzanti chimici o pesticidi. L’agroecologia come scienza, invece, favorisce l’olismo, l’unicità di ogni terreno, la policoltura e, soprattutto, favorisce la produzione e le risorse locali (Altieri & Toledo, 2011) – in altre parole il KM0. Tra gli scopi di queste pratiche e di questa scienza troviamo quello di aumentare la biodiversità e la complessità totale del sistema agricolo, migliorando conseguentemente la sostenibilità e la resilienza del campo (Altieri & Toledo, 2011). Questo risulta evidente nei momenti di grande siccità o durante le inondazioni, quando, grazie all’enorme biodiversità e vivacità del terreno, la sopravvivenza della coltivazione è più probabile che in un campo seminato con una sola specie.

Il movimento agroecologico, invece, ha iniziato a svilupparsi nel contesto latinoamericano parallelamente ai movimenti ambientalisti internazionali dagli anni ’60 in poi. Dagli anni ‘90, il movimento si è espresso con l’obiettivo di diffondere un paradigma agricolo alternativo e rigenerativo che promuovesse la produzione alimentare familiare, locale o nazionale basata su conoscenze tradizionali, risorse locali ed energie rinnovabili (Altieri & Toledo, 2011:587). Una delle più forti espressioni del movimento è la Via Campesina, un movimento internazionale nato nel 1993 che riunisce milioni di piccoli e medi contadini, senza terra, donne e giovani rurali, indigeni, migranti e lavoratori agricoli di tutto il mondo. La forza della Via Campesina deriva principalmente dal senso di solidarietà e unità di questi gruppi che vedono nell’agroecologia l’espressione di una giustizia e dignità sociale che si oppone ai monopoli di industrie agroalimentari che favoriscono principalmente la sfera economica a quella sociale ed ambientale.

Ma lasciamo che Marco Tasin, agronomo e attuale produttore agroecologico trentino, ci racconti cosa significa agroecologia per i piccoli produttori locali, come tutto ciò tocca direttamente noi consumatori e consumatrici e cosa, nella sua ottica, andrebbe cambiato.

Marco Tasin ci racconta l’agroecologia e l’esperienza della CSA di Trento

Sovranità Alimentare

Dalle parole di Marco si evince il forte aspetto sociale di questo movimento che è intrinsecamente legato al concetto di sovranità alimentare, il cui alfiere più (comb)attivo è probabilmente La Via Campesina. Il concetto di sovranità alimentare parte dal presupposto che ogni individuo ha e deve avere il diritto di controllo sulle proprie scelte alimentari, dall’origine all’approvvigionamento del cibo, nel rispetto della diversità culturale e produttiva (La Via Campesina, 2013).

La sovranità alimentare viene invocata da coloro che si battono per riforme agrarie che aboliscono la produzione di OGM favorendo metodi sostenibili e rigenerativi, al fine di garantire anche ai senza terra l’accesso all’acqua, alla terra, ai semi e il diritto di proteggersi da importazioni di cibo a prezzi troppo bassi (Via Campesina, 2003). 

L’agroecologia e la sovranità alimentare vanno quindi mano nella mano nel cammino verso un sistema agroalimentare inclusivo e sostenibile, un sistema che ha il triplice vantaggio di cui vi parlavamo inizialmente: la resilienza creata dalle pratiche e dalla scienza agroecologica non si traduce solo in vantaggio ambientale, ma altresì in vantaggio economico e sociale.

Come? In primis perché, come ci ha spiegato Marco, anche durante le epoche climatiche sfavorevoli (sempre più frequenti a causa dei cambiamento climatico) viene garantita una, seppur minima, produzione. Il che significa non solo garantire un introito (economico) costante, ma anche saper rispondere meglio al cambio climatico. In secondo luogo perché i costi di produzione sono minori in quanto il produttore non è dipendente da prodotti esterni, come i pesticidi che, nella maggior parte dei casi, vanno comprati. Il terzo enorme vantaggio è quello sociale: la valorizzazione della tradizione contadina, le conoscenze esistenti, la creazione di reti e network di persone significa intrecciare un tessuto sociale estremamente tenace anche grazie al rapporto di fiducia tra i diversi produttori e poi tra loro e i consumatori.

Non ci resta allora che provare a scoprire queste piccole produzioni agroecologiche locali. Non solo per la loro attenzione al sociale e all’ambiente, ma anche perché i prodotti che coltivano sono veramente, veramente buoni! Parola di Vivila in 3D.

Il Masetto e il racconto di un’altra montagna

di Marianna Malpaga

Il Masetto

Inoltrarsi nella valle di Terragnolo significa entrare in un Trentino diverso, forse sconosciuto a chi abita in città. In un’ora di macchina da Trento – mezz’ora da Rovereto – si arriva a “Il Masetto”, che si trova a Geroli, una delle trentatré frazioni del Comune di Terragnolo. 

Il Masetto è una via di mezzo tra un’osteria, un ostello e un rifugio, ma non è solo questo: è molto difficile usare un’unica parola per descriverlo, ma proveremo a raccontarvi come e perché è nato proprio nella valle di Terragnolo. 

“Volevamo unire ospitalità e cultura”

Il Masetto

Nel 2016 il Comune di Terragnolo indice un bando per affidare la gestione della struttura che attualmente ospita Il Masetto. Gianni Mittempergher, che viene dal mondo dei rifugi e delle malghe, e Giulia Mirandola, che si è sempre dedicata a editoria, illustrazione e formazione, vincono il bando presentando un progetto che punta sul turismo e sulla cultura. “Abbiamo tentato di coniugare due approcci”, ci racconta Gianni Mittempergher. “Uno, un po’ più classico, legato all’ospitalità. Il Masetto, infatti, ha una foresteria con diciotto posti letto e fa anche ristorazione, con una particolare attenzione alle produzioni locali e alla cucina del territorio”. Nel 2020, Il Masetto ha ottenuto un importante riconoscimento da parte di Slow Food Italia, che l’ha definita come la “miglior novità” delle “Osterie d’Italia 2020”. Il motivo? “Perché ha saputo connettere il territorio alla cucina e creare eventi di interazione sociale che ruotano attorno ai temi della sostenibilità sociale e ambientale”, scrive Slow Food. 

Il secondo approccio del progetto, invece, ha un carattere culturale. “Dal 2016 al 2019, Giulia Mirandola ha curato dei momenti di didattica e di narrazione dell’ambiente in cui ci troviamo”, aggiunge Gianni. Gli eventi culturali continuano tuttora, anche se in forma diversa, e accompagnano la stagione di apertura de Il Masetto, che va da maggio a ottobre. Dal 2016 sono passati sei anni: quella del 2021 è la sesta stagione de Il Masetto, che a settembre sarà chiamato a decidere se continuare o meno la sua avventura. 

“Perché siamo qui? Per raccontare un’altra montagna

Il Masetto

Il Masetto cerca di raccontare in modo sincero le bellezze e le difficoltà della valle di Terragnolo, senza edulcorare nulla, ma cercando comunque di valorizzare una località del Trentino (per il momento) ancora incontaminata. “Mi chiedi perché siamo qua? Siamo qua perché in Trentino c’è anche una montagna diversa da quella veicolata per ragioni – anche legittime – di promozione turistica”, afferma Gianni. “Del Trentino si conoscono le Dolomiti e i grandi sistemi di accoglienza: la val di Fassa, la val di Sole, Madonna di Campiglio, San Martino di Castrozza e il Garda. C’è però una montagna che sfugge a questo tipo di immaginario; è una montagna forse poco spettacolare, ma che ha tanto da insegnarci. Ci può anche educare su cosa sia il vero significato dello stare in montagna”. Cosa c’entra tutto questo con la parola “sostenibilità”? Gianni interpreta così la connessione tra montagna, turismo, cultura e sostenibilità: “Una valle come quella di Terragnolo non ha – e speriamo non avrà mai – grandi infrastrutture e insediamenti industriali: per me, dunque, è una valle sostenibile. Per contro, però, è una valle che ha subito un forte processo di spopolamento, e che adesso sta cercando di riflettere sul proprio futuro. Non si parla di progetti giganteschi, quanto di recuperare i muretti a secco, i terrazzamenti, la coltivazione del grano saraceno e un concetto di turismo lento. Anche se, più che lento, devo dire che mi piace chiamarlo attento. Un turismo che inviti a conoscere il territorio che si sta visitando. Attraverso i piatti, attraverso l’incontro reale con le persone che lo abitano, ma anche attraverso la voglia di approfondire gli elementi storici e naturalistici. Questo è ciò che cerchiamo di fare a Il Masetto, cercando però di non mostrare una cartolina della valle che sia bella da vedere ma che non corrisponda poi alla realtà delle cose”.

La contaminazione tra città e montagna, tra trentini e persone da fuori regione

Il Masetto

Sin dagli inizi, Il Masetto aveva l’intenzione di parlare a tutti: a chi abita la valle di Terragnolo, ma anche a chi viene da fuori, dalla città. Lo sforzo è stato quello di trovare un linguaggio comune, che fondesse semplicità e profondità e che favorisse l’incontro tra tutti e tutte. I laboratori che Giulia Mirandola ha organizzato fino al 2019, per esempio, erano frequentati da famiglie che venivano anche da fuori regione, e che per l’occasione si fermavano un paio di giorni nella foresteria. Ma c’era anche chi si incuriosiva pur provenendo da molto più vicino: partecipavano ai workshop anche i bambini della colonia estiva di Terragnolo. “Avveniva così uno scambio di impressioni tra i ragazzini di città, che si trovavano improvvisamente in una valle dove la natura è preponderante e dove l’ambiente del bosco è centrale, e i bambini di Terragnolo, che potevano sentire i racconti provenienti dalle ‘grandi città’, dove magari si sposteranno in futuro, per motivi di studio”, spiega Gianni Mittempergher. 

A inizio e fine stagione la frequentazione è più trentina. Nel bel mezzo dell’estate, però, arrivano a Il Masetto anche famiglie provenienti da Veneto, Toscana, Emilia Romagna e Lombardia. “Alcuni giorni fa ci ha fatto visita una famiglia ligure”, aggiunge il gestore de Il Masetto. “Ci hanno conosciuti tramite i social e, passando in Trentino, hanno deciso di venire a trovarci”.

Il carattere “laboratoriale” de Il Masetto è cambiato, sia perché non c’è più Giulia Mirandola che se ne occupa sia per via dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia di Covid-19. Adesso, però, arrivano a Terragnolo delle persone – dei “turisti”, se così vogliamo chiamarli – che vogliono fermarsi più a lungo, anche per visitare la zona. “Non so se sia qualcosa di contingente o se si tratti invece di una trasformazione più profonda: sta di fatto che queste persone hanno voglia di sostare in questa valle”, commenta Gianni. 

Teatro, mostre, cene, corsi, proiezioni e incontri. A Il Masetto puoi fermarti per il piacere di ascoltare e guardare

Illustrazione di Giorgia Pallaoro per “il programma del masetto” 2021

Anche quest’anno, una rassegna anima il cortile de Il Masetto. Cominciato a inizio giugno, “il programma del masetto” si chiuderà domenica 12 settembre con lo spettacolo “Il Maggese. Un’idea più grande di me”, con Armando Punzo, regista e drammaturgo de La Compagnia della Fortezza.

Sono trenta gli appuntamenti in programma, organizzati con l’aiuto di Anna Benazzoli che, assieme a Gianni, a inizio primavera ha cominciato a pensare quali potrebbero essere gli autori e gli artisti da invitare a Terragnolo. Autori e artisti che si sposino con la filosofia de Il Masetto; che parlino quindi di montagna, società e cultura in modo il più sincero possibile. “Ci saranno anche due documentari sulle produzioni alimentari trentine, proiettati sul muro esterno della chiesa”, spiega Gianni. Accanto alla struttura de Il Masetto, infatti, c’è una chiesetta sconsacrata dedicata a San Giuseppe.  

Oltre alla possibilità di ascoltare spettacoli e incontri, c’è anche quella di assaporare la cucina de Il Masetto, che valorizza le produzioni tipiche del Trentino e della valle di Terragnolo, dove si sta cercando di recuperare e valorizzare la coltivazione di grano saraceno. 

Nota: Le foto sono di Francesca Dusini Dell’Eva e di Elisa Vettori (Pagina Facebook: Il Masetto)

A Maso Pez, dove prende vita “Beelieve” (e non solo)

di Fabiana Pompermaier e Marianna Malpaga

Foto “Beelieve” (Facebook)

Arriviamo a Maso Pez, a Ravina, un venerdì pomeriggio. Qui incontriamo Nicholas Moser, responsabile organizzativo e commerciale di “Beelieve” – un progetto di cui vi parleremo più avanti in questo articolo -, che ci accompagna in una visita alla struttura.  

Il Centro Maso Pez fa parte dell’area lavoro della cooperativa sociale Progetto 92, una realtà molto nota in Trentino per il suo impegno nel campo dell’accoglienza e dell’accompagnamento dei minori in difficoltà. È attivo dal 1994 in una struttura di proprietà della Fondazione Crosina Sartori Cloch, e offre un percorso di avvicinamento al mondo del lavoro a ragazzi e ragazze dai 15 ai 22 anni, che possono sperimentarsi all’interno del Vivaio Tuttoverde, della falegnameria legata al progetto “Beelieve”, o essere impiegati nella parte di assemblaggio. 

“Il nostro servizio si rivolge ai cosiddetti Neet, un acronimo inglese che sta per (Young People) Neither in Employment or in Education or Training, e che indica i ragazzi che non studiano e non lavorano”, spiega Nicholas Moser. “Sono persone che hanno bisogno di un aiuto per entrare nel mondo del lavoro o che hanno avuto un percorso di vita difficile”.

Tuttoverde: il vivaio dove, oltre alle piante, cresce anche il senso di comunità

“Qua avviene la semina delle piantine”, ci dice Nicholas mostrandoci il lavoro fatto dai ragazzi e dalle ragazze che lavorano all’interno del vivaio “Tuttoverde”, un’impresa sociale della cooperativa Progetto 92 che ha nove dipendenti e che offre una possibilità di inserimento nel mondo del lavoro a una decina di ragazzi Neet. “Ai ragazzi viene data una certa responsabilità: devono assicurarsi di aver messo l’etichetta giusta e di aver gestito bene la prima fase della nascita della piantina. Una volta che questa cresce, viene caricata sul nostro furgone assieme alle altre e portata nel vivaio, dove è pronta per la vendita”. 

Foto “Vivaio Tuttoverde” (Facebook)

Le persone arrivano a “Tuttoverde” perché sono sicure della qualità del prodotto che andranno a comprare. Il valore sociale, come racconta Nicholas, è solo un “quid” in più. Perché il progetto educativo in cui i Neet sono coinvolti funzioni, infatti, bisogna far comprendere loro l’importanza di fare un lavoro di qualità. Questo vale sia per il vivaio “Tuttoverde” sia per la falegnameria legata a “Beelieve”. 

Tra i prodotti che si possono trovare nel vivaio di Progetto 92 ci sono piante da appartamento, da balcone, da giardino, da orto e da frutto stagionale.

Le piantine pronte per la vendita. Foto: Fabiana Pompermaier

Si inizia con l’assemblaggio…

Nicholas ci accompagna poi all’interno del Centro Maso Pez, che è dotato anche di una sala da pranzo per i momenti di condivisione tra i ragazzi. Scendendo, ci mostra la sala dedicata al lavoro di assemblaggio. “Qui i ragazzi svolgono lavori abbastanza semplici”, dice. “Ci sono però anche alcune persone che hanno delle disabilità cognitive, e per le quali anche solo inserire una presa nel posto giusto è un’impresa finché non lo si è fatto quindici, venti volte”.

Di solito, i Neet che arrivano per la prima volta a Maso Pez iniziano qui il proprio progetto. Non sempre, però, perché all’inizio sono valutate le attitudini e le potenzialità di ciascuno.

“All’assemblaggio non vengono chieste particolari responsabilità”, aggiunge Nicholas. “Domandiamo semplicemente di esserci, perché quello che vogliamo fare qui – come in tutta l’area lavoro – è insegnare al ragazzo e alla ragazza come si sta sul posto di lavoro e come ci si rapporta con una persona che ha più responsabilità di te. Sono cose magari scontate per chi ha avuto una guida o una famiglia. Per chi invece non le ha avute, occorre tempo per capire che, se si vuole portare a casa qualcosa, bisogna venire al lavoro con costanza. Non tanto per la paga, perché è simbolica in questo caso, ma per imparare a interfacciarsi con il mondo del lavoro”. 

I ragazzi e le ragazze arrivano a Maso Pez su segnalazione dell’assistente sociale o della scuola. Il progetto è calibrato sui bisogni di ciascuna persona; in media, comunque, si parla di un periodo di tempo dai tre ai sei mesi. “Spesso le persone che arrivano qui abbinano a un problema relazionale una disabilità cognitiva”, spiega Nicholas Moser. “Perciò non è detto che abbiano una grande manualità: per alcuni anche solo apporre una fibbia non è così semplice… Però è una sfida, e quando riescono a farlo bene cominciano a capire che, impegnandosi, possono riuscire a superare le loro difficoltà”.

Beelieve: un progetto che permette alla natura e ai giovani di rifiorire

La falegnameria legata al progetto “Beelieve”. Foto: Fabiana Pompermaier

Accoltз dal profumo di abete, entriamo in falegnameria, dove Nicholas ci racconta che qui prende vita il progetto Beelieve. Tutto è iniziato tra 2015 e 2016 con la costruzione delle prime arnie e con l’avvicinamento al mondo degli apicoltori: la parola Beelieve, infatti, racchiude in sé le parole “bee”, ape, e “believe”, credere, testimoniando la volontà di creare una realtà che concili la sostenibilità ambientale con le dimensioni sociali ed economiche. 

Negli ultimi anni questa consapevolezza si è concretizzata. “Inizialmente  ci veniva chiesto di fare un prodotto basico, perché dovevamo andare al risparmio”, spiega Nicholas.  ”Abbiamo però deciso di cambiare questo paradigma, perché vogliamo insegnare ai ragazzi che un prodotto di qualità è un lavoro fatto bene, con l’attenzione che merita”. 

Per garantire la qualità dei prodotti offerti e l’attenzione ai bisogni del mercato, l’ideazione di Beelieve è partita dal confronto con i ricercatori del Muse di Trento e della Fondazione Edmund Mach per comprendere le necessità della biodiversità locale, e con l’Associazione degli Apicoltori per orientarsi verso un prodotto che fosse insieme innovativo e competitivo. La scelta dei materiali per la produzione è stata quindi compiuta in un’ottica sostenibile: il 95 per cento del legname utilizzato nel progetto proviene dalla filiera trentina, in particolare dalle foreste cadute in seguito alla tempesta Vaia del 2018.

Il risultato è un’offerta di prodotti che si è ampliata nel tempo, fino ad includere casette nido per uccelli e pipistrelli, ma anche oggetti di green design, quali vasi e fioriere, realizzati in rete con altre realtà della sostenibilità trentina, come Redo Upcycling. “Ci siamo orientati su un prodotto che fosse di qualità, con un prezzo un po’ più alto ma comunque competitivo: un prodotto che ci permettesse di raggiungere una sostenibilità economica. Questo è l’equilibrio che bisogna tenere quando si passa da temi sociali a temi economici. Ed è la complessità, e anche il bello, di un’impresa sociale.”

Foto “Beelieve” (Facebook)


Anche Beelieve infatti coinvolge ragazzз Neet, affiancati da educatori, che in questo caso sono anche falegnami. Il progetto ha coinvolto dal 2016 ad oggi più di 270 giovani in condizione di vulnerabilità, impegnando 18mila giornate di accompagnamento al mondo del lavoro: “se sai che tutti i giorni c’è un ragazzo che viene qui per 18mila volte, cominci a renderti conto che un impatto, questa scatola, ce l’ha”, commenta Nicholas.

I prodotti del progetto Beelieve sono disponibili all’interno del Muse Social Store, ma anche per ordine diretto, contattando la cooperativa Progetto 92 e Maso Pez. Per il futuro prossimo, si sta lavorando alla creazione di un e-commerce che permetta la vendita direttamente dal sito, agevolando il consumo consapevole ed informato. “L’idea è quella di unire la sostenibilità economica, la sostenibilità sociale e la sostenibilità ambientale”, conclude Nicholas Moser. “È quello che si voleva racchiudere dentro Beelieve. Ci stiamo provando. Vediamo dove arriviamo”.

Sostenibilità a…ruota libera!

di Gabriele Piamarta

Continuando a parlare di riuso, oggi portiamo l’esempio di Ruota Libera, un’associazione roveretana nata nel 2012. Questa realtà ci è stata raccontata da Michele Pedrotti, attuale presidente di Ruota Libera che ha deciso, su consiglio di una collega che conosceva il suo passato da ciclista e il suo amore per le bici, di far nascere qualcosa legato a questa sua passione.

Riciclofficina

E quel qualcosa nasce eccome, con la fondazione di Ruota Libera, che fa partire subito un grande progetto: la “Riciclofficina”, una vera e propria officina per sole biciclette. Fortunatamente Michele aveva già gran parte del materiale per aggiustare le bici, soprattutto grazie al lavoro di rete e ai contatti, così l’associazione riesce a partire con tutto il necessario e poche spese. Ormai, dopo quasi 10 anni di esistenza, le cose sono cambiate: ora la “Riciclofficina” ha  a disposizione due set completi per sistemare le bici e grandi quantità di materiali, nuovi e non.

Foto di Elissa Capelle Vaughn da Pixabay

Ma di che cosa si occupa ora la “Riciclofficina”? Si riparano bici, con la possibilità, almeno in bassa stagione, di assistere e aiutare nel sistemare il proprio mezzo. Ma non solo: si recuperano anche pezzi da biciclette usate, si organizzano laboratori aperti al pubblico per insegnare a prendersi cura e a fare piccoli interventi di manutenzione sul proprio mezzo e infine si crea anche un bel gruppo di persone con simili ideali e passioni.

Ma perché noi di Vivila in 3D, che abbiamo come stella polare la sostenibilità, che orienta tutti i nostri articoli, parliamo della Riciclofficina di Ruota Libera? Non solo perché parliamo di riuso, ma anche perché con il loro progetto sono un esempio di sostenibilità in tutte le sue tre dimensioni:

Sociale: Le persone che lavorano presso la “Riciclofficina” sono persone che erano in difficoltà e avevano bisogno di imparare un mestiere: questo per loro è solo un punto di partenza, visto che una volta imparato il mestiere e apprese le giuste competenze l’obiettivo è quello di reinserirsi nel mondo del lavoro (anche grazie ai tirocini formativi presso una delle aziende partner del progetto).

Ma non è tutto, infatti Via Calcinari 7 – dove si trova  la Riciclofficina – è anche un punto d’incontro, dove sì, porto la bici ad aggiustare, ma anche dove  passo per fare due chiacchiere e conoscere nuove persone.

Foto di Cord Allman da Pixabay

Ambientale: Come dice il nome, la “Riciclofficina” ha come punto cardine il riciclo, infatti se possibile favorisce il recupero delle bici che ormai non circolano più, e il riuso di ogni pezzo salvabile. Ovviamente però si mette  in primo piano la sicurezza del ciclista, perciò quando un pezzo è troppo usurato o comunque ha finito il suo ciclo di vita, c’è anche la possibilità di farselo montare nuovo; e come se non bastasse, l’officina promuove ovviamente l’uso della bici, il mezzo più sostenibile di tutti.

Economica: Esatto, infatti una parte in buone condizioni, recuperata da una vecchia bici, garantisce un buon pezzo a un minor prezzo.

Ruota Libera però non è solo la “Riciclofficina”. Vedendo nel settore della ristorazione un possibile sbocco lavorativo, un anno e mezzo fa, infatti, acquisisce una gastronomia, alla quale dà il nome di ”Fiori di Zucca”. L’intenzione è quella di formare delle persone come aiuto-cucina, per aiutarle a reinserirsi nel mondo del lavoro; purtroppo l’anno abbondante di pandemia li ha messi a dura prova, speriamo che ora vada tutto per il meglio… Anzi, basta sperare: se passate da Rovereto, fate un salto da “Fiori di Zucca”!!!

Il nostro rifiuto e il bisogno di guardare la realtà

di Emanuele Pastorino

Global Strike 2019 – Trento | Foto del Forum trentino per la pace e i diritti umani

Only way through is colonization

Acclimatization

Population exodus

Monetization

Civilization

The operation has begun

There is no Planet B

I King Gizzard cantano anche i nostri rifiuti. There is no Planet B1è una delle frasi che più risuonano nelle manifestazioni del 2019, quelle dei Fridays for Future e di Extinction Rebellion, e ben rappresenta il problema: “tra 400 anni, se qualcuno farà un buco ad Ischia Podetti, troverà i nostri rifiuti indecomposti come noi troviamo i reperti archeologici delle antiche civiltà”. A dircelo è Thomas Deavi, ingegnere ambientale e divulgatore che collabora come libero professionista con gli enti gestori del Trentino, per formare e informare la popolazione sulla corretta gestione dei rifiuti.

Discarica di Trento (Ischia Podetti) | Llorenzi, CC BY-SA 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0, via Wikimedia Commons

Molto nella gestione dei rifiuti è cambiato, eppure viviamo in una costante crisi: “la difficoltà nel gestire questo passaggio è legata al fatto che il Trentino è un insieme di valli fatte a V, dove lo spazio a disposizione per stoccare rifiuti è minimo e dove lo sfruttabile è stato sfruttato (l’ultimo spazio era la discarica di Arco, anche quella ormai satura)”.

Dagli anni ‘80, quando in Trentino sono stati censiti più di 400 siti di deposito dei rifiuti, discariche più o meno formali, le cose sono molto cambiate: “attualmente, quei 400 posti sono diventati 1”, osserva ancora Thomas Deavi.

Foto di RitaE da Pixabay

Il contesto è molto mutato per mille ragioni: la sensibilità ecologista e le battaglie politiche hanno portato a trasformare le regole del gioco. Riduzione, riuso, riciclo sono diventati parte del ragionamento: siamo passati dal portare il 100% del rifiuto prodotto in discarica a introdurre limiti progressivi.

In Italia, l’anno cui guardare è il 1997, con l’entrata in vigore del decreto Ronchi2: abbiamo sviluppato sistemi di raccolta e intercettazione dei rifiuti sempre più precisi, capaci di togliere dalle discariche porzioni sempre più ampie di rifiuti, di attivare la raccolta differenziata, di renderla prassi.

Allo stesso tempo, però, diminuiva lo spazio dove lasciare questi rifiuti: “le discariche non sono infinite”, ci dice ancora Thomas, “per veicolare un’immagine che uso spesso in classe, ma anche nelle serate per gli adulti, è come se io avessi dello sporco in camera e per gestirlo in maniera corretta, lo mettessi sotto al tappeto. Questa è la discarica”.

Guardando ai dati del 2019 relativi ai rifiuti urbani, ci racconta Chiara Lo Cicero, referente dell’Unità organizzativa rifiuti e bonifica dei siti inquinati per la Provincia Autonoma di Trento, a fronte di 280mila tonnellate di rifiuti urbani prodotti in Trentino, circa 213,5mila sono stati differenziati (75%). Un dato incoraggiante ma “i numeri possono dire tutto”, osserva la dott.ssa Lo Cicero. 

Gli ingombranti (9,7mila tonnellate) e lo spazzamento stradale (8,4mila, di cui circa 700 tonnellate vanno in discarica) coprono un’altra fetta della torta. 

“Gran parte del residuo (quasi 52mila tonnellate), di cui 13,4mila vanno all’inceneritore di Bolzano. Tutto il resto va in discarica. A questo resto dobbiamo aggiungere 11,5mila tonnellate di 191212 provenienti dalla raccolta differenziata”.

Quel codice – 1912123 – indica il residuo di lavorazione negli impianti dove viene portata la raccolta differenziata e in cui viene selezionata, separando il rifiuto differenziato correttamente dalle impurità. 191212 indica le impurità, e sono moltissime. “Ma non è tutto”, sottolinea la dott.ssa Lo Cicero “molte raccolte differenziate vanno fuori provincia e quindi non abbiamo intercettato i dati di questo 191212”.

La qualità del nostro rifiuto

“C’è un calcolo ben preciso definito a livello nazionale e su questo dobbiamo basarci” continua Chiara Lo Cicero, sottolineando come il problema sia che i calcoli, frutto della normativa nazionale a cui bisogna fare riferimento, sono esclusivamente basati su criteri quantitativi e non vanno ad indagare la qualità del rifiuto differenziato.

“Stiamo cercando di intercettare tutto quel rifiuto che, dagli impianti di selezione e trattamento, rientrano in discarica”, ci racconta, “e stiamo cercando di farli ritornare alla frazione d’origine (verso l’organico, la plastica o il vetro) e riconnetterli al gestore che li ha prodotti, decurtandoli per definire un indice di qualità della raccolta differenziata”.

“Negli imballaggi leggeri, oltre il 50% sono impurità”, ci dice ancora Thomas Deavi. “Ogni 100 chili buttati nel sacco azzurro, più della metà non doveva finire lì. Nel momento in cui arrivano nell’impianto di Lavis, dove avviene la selezione di quel rifiuto, i nostri sacchi azzurri vengono aperti e ci sono lavoratori e lavoratrici che separano i rifiuti, quello che non è plastica, non è acciaio, non è alluminio o non è tetrapack, o in generale non è imballaggio, va a finire in discarica come residuo di lavorazione”. È così che nasce il 191212.

“Invece che portare ad un vantaggio, anche economico (perché sotto al discorso dei rifiuti ci sono delle economie) diventa un costo” continua Deavi.

Azioni, pratiche, politiche: i tre piani di lavoro

Queste economie possono emergere e avere forza a fronte di un cambiamento di sguardo da parte di tutte e tutti: “il riuso deve essere posto al centro di una vera e propria riqualificazione culturale: oggi vediamo moltissime piattaforme (vinted; subito.it; ebay) che puntano e investono su un’economia del riuso” osserva Deavi. “Parallelamente, in Italia, ma non solo, c’è ancora l’idea – diffusa – per cui chi attinge al riuso lo faccia per questioni strettamente economiche: usato non è uguale a povero”.  

Trasformare il modo in cui guardiamo alle cose passa anche da pratiche collettive e politiche pubbliche che facilitino la trasformazione culturale, delle abitudini e degli stili di vita collettivi e individuali: sono tre i piani di lavoro – lo sappiamo – su cui concentrare un cambiamento così imponente. 

Le azioni individuali che devono essere più consapevoli, certo, ma che non possono che essere accompagnate da più informazione, più controlli, da scelte strategiche che facciano sì che a tutti i livelli della governance dei rifiuti convenga mantenere i cittadini e le cittadine informati e attenti a ciò che fanno quando creano rifiuti.

Sono gli altri due livelli, quelli senza i quali le azioni collettive, per quanto virtuose, non riescono ad avere l’impatto che speriamo: pratiche collettive e politiche pubbliche che mettano in campo scelte diverse. 

Tutti gli attori sono coinvolti” – osserva Chiara Lo Cicero – “e bisogna insistere molto su questo: noi lo stiamo facendo e verrà previsto dal Piano Rifiuti Urbani, direttamente o rinviando a documenti di integrazione che usciranno subito dopo”.

Per questo, ci racconta, nella rielaborazione del Piano Provinciale per i Rifiuti Urbani – un percorso già attivato e che dovrebbe arrivare ad una prima bozza entro il 31.12.2021 – sono state coinvolte fin da subito le categorie produttive: “anche le aziende producono rifiuti urbani”, osserva la dott.ssa Lo Cicero, “e poi tutte queste aziende sono interessate a questo sistema in qualità di stakeholder”, interessate a capire quali saranno le scelte e gli indirizzi dell’amministrazione nel prossimo futuro.

Ci fa anche alcuni esempi: “insisteremo sull’apertura di centri di riuso, strutture dove posso portare una bicicletta che non funziona più per farla riparare e rimetterla in circolazione, anziché portarla al CRM. Pubblicizzeremo i centri di riuso anche come CRM”.

Ma non solo: “Vogliamo revisionare i marchi provinciali” ci racconta ancora Lo Cicero, riferendosi agli ECO-marchi PAT, certificazioni elaborate dalla Provincia per attivare pratiche virtuose di sviluppo sostenibile3.

“ECOAcquisti, ECORistorazione, ECOEventi, puntando a Mercatini di Natale senza bidoni dell’immondizia, perché non servirebbero più grazie a bicchieri e tazze riutilizzabili, ed elaborando un criterio di assegnazione che tenga in considerazione questi marchi; Ecolabel, per il turismo, che è in corso di discussione con le APT allo scopo di sviluppare un turismo ecosostenibile del Trentino”.

Azioni puntuali e concrete ma anche di sistema: insieme alla pianificazione della gestione dei rifiuti, negli ultimi anni è stata depotenziata moltissimo anche l’informazione ai cittadini

“Dopo la grande spinta di vent’anni fa per l’attivazione della raccolta differenziata” – osserva Chiara Lo Cicero – “non è stata più portata avanti l’informazione: il cittadino è tempestato, non capisce più niente, non sa più se seguire quello che legge nelle etichette o quello che legge sui giornali legati alle disfunzioni degli impianti. Questo genera una fortissima disinformazione”.

Sul piano locale, la nascita del Nucleo Operativo Interservizio (NOI) presso il Comune di Trento è stato un tentativo di mettere in comunicazione vari soggetti, dal Comune a Dolomiti Ambiente, dagli esercenti alla Polizia Urbana che ha attivato molti interventi che, osserva Thomas Deavi “sono, però, piccoli rispetto alla gestione della massa di rifiuti dei complessi edilizi più grandi e dove convivono cittadini con livelli informativi molto diversi”. 

Su questo osserva come si stiano sviluppando azioni parallele e preventive: “con ITEA, Dolomiti Ambiente e il Comune si è lavorato per formare questi cittadini in modo da far sì che ci siano dei ‘nuclei di abitanti’ di quei complessi abitativi in modo che formino un ‘comitato di accoglienza’ di prossimità per chi arriva a viverci e spiegare il senso e il funzionamento della raccolta”.

Sul piano provinciale, “l’APPA ha, per legge, il compito di informare”, osserva il dott. Deavi, “nel 2003 facevamo serate pubbliche, incontri nelle scuole, collaborazioni con i supermercati. I fondi, da allora, sono diminuiti dell’80%. A questa percentuale se ne collega un’altra: negli imballaggi leggeri, oggi, circa il 50% sono impurità che vanno a finire in discarica. 

Fare formazione, stabilire pratiche di questo tipo, è necessario per avere azioni dei singoli più consapevoli”. 

Informazione che deve essere veicolata dal pubblico, dagli enti gestori e dalle aziende che si occupano di rifiuti anche attraverso sistemi di sanzionamento e premialità che non guardino solo al/la cittadino/a ma anche a chi ha la responsabilità della raccolta e, al contempo, di informare correttamente sui modi in cui la differenziata va fatta. Per farlo, ci racconta ancora Chiara Lo Cicero, serve fare un’azione a ritroso, dall’impianto alla raccolta, che punti “sul potenziamento dell’informazione e sui maggiori controlli anche in quelle isole ecologiche di raccolta stradale, dove la gente butta tutto quello che vuole”. A tutto questo vanno affiancati sistemi di informazione integrata, sanzioni per i cittadini così come già esistono ma anche “sanzioni sulla frazione estranea per il gestore, che avrà interesse ad attivare un sistema informativo”, conclude la dott.ssa Lo Cicero.

Ridurre è l’unica via

Tutto quello che buttiamo via lo abbiamo comprato”: il concetto è molto semplice ma è attorno a questo che si gioca la partita dei rifiuti. 

“Quando vado nelle scuole” – ci racconta Deavi – “faccio ragionare su questo: i ragazzi, in classe, hanno dai 3 ai 5 bidoni (tra la classe e i corridoi). Il bidone della carta, degli imballaggi leggeri, dell’umido, del residuo. Nei corridoi c’è la raccolta delle pile. Faccio ragionare i ragazzi – che siano bambini delle elementari o ragazzi del liceo – sul fatto che loro sono abituati a differenziare: lo vedono in classe, lo vedono a casa, lo vedono a calcio, a pallavolo, nelle piscine eccetera. Trent’anni fa, quando io andavo al liceo, avevamo un cestino rotondo dove buttavamo tutto”.

Abbiamo detto che l’informazione – e la sensibilizzazione – delle persone passa soprattutto dalle abitudini che cambiano: Chiara Lo Cicero ce lo spiega bene e fa un esempio sul grande tema, quello della plastica.

Ci racconta che sono in corso di revisione e ripensamento i criteri ambientali minimi (CAM)4 che vengono utilizzati nelle gare pubbliche per i servizi e, in particolare, di quelli dedicati ai servizi di ristoro negli uffici pubblici, in particolare con riguardo ai distributori automatici. 

Nel fissarli, fino adesso non si è fatta attenzione al tema dei rifiuti: nel giro di due anni scadranno anche tutti gli appalti provinciali, ed è l’occasione per cambiare alcune abitudini.

“Ci siamo accorti che, per la riduzione del rifiuto, dobbiamo parlare anche di qualità” osserva Chiara Lo Cicero. “Il grosso problema è l’uso scorretto della plastica che porta alla produzione di ingenti quantità di rifiuto: moltissime regioni stanno facendo normative sulla plastic free. C’è la direttiva 904 che ha vietato l’utilizzo di plastiche monouso: la bozza di recepimento italiana, così come i CAM a livello nazionale, hanno recepito queste direttive con un’azione di sostanziale greenwashing”, ci spiega. 

“Se da una parte viene bandita la plastica viene anche concesso l’utilizzo di plastiche biodegradabili. Questo, a mio avviso, non è andare contro la riduzione del rifiuto, ma far passare il concetto che è meglio produrre un rifiuto costituito da bioplastica piuttosto che produrne uno di plastica”.

Le bioplastiche, dunque, se da un lato non riducono il rifiuto, dall’altro non riescono neanche ad essere biodegradate, come dovrebbero. Infatti la certificazione che viene data a queste bioplastiche che non è garanzia di biodegradabilità delle stesse. “La certificazione”, osserva, “è basata su esperimenti fatti in laboratorio, dove viene tutto sminuzzato sotto i 2 mm, e dove si riesce a degradare la plastica entro i 90 giorni a 55°, condizioni che non rispecchiano quelle che si trovano negli impianti. Nei nostri impianti – non quelli trentini: in tutti gli impianti – non funziona così” sottolinea Lo Cicero.

“A livello provinciale, gran parte della raccolta differenziata dell’organico va all’impianto di Cadino che non è un semplice impianto di compostaggio, ma ha una tecnologia integrata: un primo trattamento anaerobico, che fa una degradazione spinta del rifiuto e produce biogas (purificato poi in biometano utilizzato per i trasporti locali), ed un secondo trattamento aerobico che rappresenta il cosiddetto compostaggio. È un impianto all’avanguardia e anche questo impianto ha le sue difficoltà a trattare la bioplastica

Questo genera un problema enorme: proseguendo con politiche di sostanziale greenwashing si genera il paradosso per cui sono le persone più attente all’ambiente a metterlo maggiormente in pericolo. L’utilizzo delle bioplastiche, di fatto, non ha cambiato le abitudini delle persone ma ha comportato costi elevatissimi: per i singoli, visto che le bioplastiche costano molto di più che la plastica; per il pubblico.

Complice il calo di un’informazione univoca e chiara e l’incertezza sempre maggiore dettata dall’essere comunque sommersi di stimoli diversissimi, le persone stanno facendo sempre più fatica a differenziare bene: le impurità, di cui parlavamo prima, sono un costo anche in termini economici e non solo ambientali. 

“L’unica cosa possibile da fare – visto che sta peggiorando la qualità dell’organico – è stata quella di acquistare, per l’impianto provinciale di Cadino, 4 macchinari nuovi. 3 per togliere il ferro, di tutti i tipi: 8 anni fa la qualità era molto più buona, oggi troviamo lattine di tonno, contenitori della marmellata e molto altro. Il quarto macchinario, invece, per lo scodellame di plastica biodegradabile: “è un impianto che funziona come una lavastoviglie”, ci spiega la dott.ssa Lo Cicero. “Questa macchina le lava, ripulendole dall’organico, e separando la poltiglia – per reimmetterla in ciclo – dalle scodelle – che vengono asciugate, messe in un container e poi buttate in discarica”.

E su questo ritorna il tema delle abitudini da cambiare: “vogliamo arrivare al punto di fare la scelta coraggiosa di vietare in tutti i modi l’usa e getta nel contesto della Provincia di Trento” ci racconta Lo Cicero. “Dobbiamo riuscire a cambiare l’abitudine del cittadino: non può esserci più l’abitudine di bere un sorso d’acqua e buttare il bicchiere. Devo portarmi il bicchiere da casa, portarmi la tazza di ceramica e andare alla macchinetta con la mia tazza” ci spiega.

“Ci è stato fatto notare che in questo modo creeremo, in un primo tempo, diversi problemi all’utenza: sì. Quello che vogliamo fare è creare il problema in modo che l’utenza si crei la soluzione da sola: la prima volta magari resterà senza caffè; la seconda si porterà la tazza da casa” osserva Lo Cicero, e sottolinea “ci sarà anche la possibilità di avere tazze riutilizzabili, sanificabili, sottoposte a cauzione vicino alle macchinette: se voglio me la porto a casa, altrimenti la si può lasciare per essere sanificata”.

E nel frattempo?

Questi interventi hanno percorsi di medio-lungo termine per raggiungere risultati: e nel frattempo?

“Dobbiamo trovare modalità alternative di riutilizzo di questi scarti” osserva Chiara Lo Cicero “questa è la grossa sfida: trovare delle novità, cambiare abitudini. È la parte più difficile”.

Negli anni si è molto discussa l’opzione della soluzione tecnologica, con la proposta – risalente all’inizio degli anni 2000 – di realizzare un termovalorizzatore per Trento. Tema che sta ritornando: “la soluzione tecnologica ha il vantaggio” osserva Thomas Deavi “che metto dentro 100 m3 di rifiuto, mi ritrovo a dover smaltire, a dover trovare lo spazio per 10 m3 di ceneri”, pensando ad un normale termovalorizzatore e alle difficoltà, di cui abbiamo parlato, nel trovare spazi adeguati dove smaltire i nostri rifiuti.

Ma il punto è forse un altro: il tema dei rifiuti impone di guardare con estrema attenzione alla questione della ricerca e innovazione: “fino a poco tempo fa” ci racconta Chiara Lo Cicero “non sapevamo che il polverino dei pneumatici potesse essere usato nell’asfalto”. Oggi Salvadori ha sviluppato questo meccanismo.

Accanto a queste forme di ricerca – che non sono soltanto tecnologiche, ma anche sociali ed economiche: andate a dare un’occhiata ai meccanismi elaborati da ATOTUS a Vezzano5 – c’è tutto il tema dell’impianto di destino finale. La situazione che stiamo vivendo – esaurimento dei siti di discarica; abitudini lente al cambiamento; l’inceneritore di Bolzano che fa resistenza e non vuole più i nostri rifiuti – impone di guardare a questa ipotesi con consapevolezza.

La Provincia, per questo, ha attivato un tavolo di approfondimento con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler: “si può essere green”, osserva Chiara Lo Cicero, “anche prevedendo una tecnologia complessa per il trattamento dei rifiuti. Non si parla più di incenerimento, tecnologia vetusta, ma di produzione di idrogeno o biometano. Non è possibile prevedere solo la discarica e non ricorrere ad ulteriori trattamenti: abbiamo provato in questi ultimi anni e siamo assolutamente vittime di coloro che hanno gli impianti che servono a noi”.

Per fare tutto questo serve necessariamente una maggiore capacità di guidare questi processi: per il Trentino, questo ruolo dovrà essere assunto dalla Provincia, superando il sistema attuale – che prevede 12 gestori – per privilegiare la creazione di una cabina di regia unica capace di dare uniformità alla gestione, dalle tariffe alle regole della raccolta, dalla formazione all’informazione.

Un ruolo, quello del pubblico, che è di facilitazione e guida, non sostitutivo: serve l’insieme dei tre piani di lavoro – azioni individuali, pratiche collettive, politiche pubbliche – capace di generare una trasformazione di sguardo. “Se la cura diventasse il principio organizzativo di tutti gli stati del mondo, infatti, la disuguaglianza economica e le migrazioni di massa diminuirebbero e l’ingiustizia ambientale troverebbe rimedio grazie all’impegno reciproco alla cura del mondo. […] Per renderla realtà occorre contrastare e ripensare la nostra economia, a partire dal suo rifiuto della cura6.

Fonti

1. https://open.spotify.com/track/3YCiB91fQ6aGH3KkBEyriG?si=19885414466949c9 

2. https://www.ciclia.it/decreto-ronchi/ 

3. http://www.unirima.it/2018/07/06/scarti-lavorazione-cer-191212/

3.  http://www.eco.provincia.tn.it/ 

4. https://www.minambiente.it/pagina/i-criteri-ambientali-minimi 

5. https://www.atotus.it/ 

6. The Care Collective, Manifesto della cura. Per una politica dell’interdipendenza, Alegre, 2021, p. 80.

Creativi, solidali e sostenibili: i Centri di Riuso in Italia

di Marianna Malpaga

Ciò che si può fare grazie al materiale del Centro di Riuso Creativo di Verona

Un Centro di Riuso è un’area che nasce con l’obiettivo di prolungare la vita degli oggetti prima che essi diventino “rifiuti”, nella convinzione che questi possano essere una risorsa e che non debbano essere scartati con estrema facilità, come il modello consumistico attuale ci suggerisce. Nella pratica, dei conferitori consegnano ai Centri di Riuso – che possono essere comunali o privati – il materiale di cui intendono “disfarsi”, che viene a sua volta prelevato, in un momento successivo, da parte di utenti che lo riutilizzeranno, consentendogli di vivere una “seconda vita”. 

“Vivila in 3D” vi racconta l’esperienza di due Centri di Riuso italiani, uno comunale e uno privato, attivi rispettivamente a Verona e a Riva del Garda: il Centro di Riuso Creativo e il Centro di Riuso REplus

CENTRO DI RIUSO CREATIVO ed ECOSPORTELLO (VERONA)

Un Centro di Riuso che apre alla creatività di ognuno… senza giudizi

Il Centro di Riuso Creativo di Verona apre i battenti nel novembre del 2011 e costituisce un unicum nel panorama veneto, ma anche all’interno dell’intero “cosmo” dei Centri di Riuso italiani, per la sua impronta culturale e pedagogica. È aperto il martedì e il giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.30, e riceve le donazioni a costo zero da parte di alcune aziende del territorio. Al Centro di Riuso Creativo non troverete, contrariamente a quanto potreste pensare, vestiti o libri usati. Le aziende, infatti, donano imballaggi e cartone, che il Centro di Riuso dà alle scuole e alle associazioni interessate a organizzare laboratori e atelier sul tema del riuso. 

L’ingresso del Centro di Riuso Creativo di Verona

“Ciò che ci interessa non è la quantità di rifiuti che risparmiamo, che è comunque trascurabile rispetto al totale di rifiuti prodotti in città”, spiega Loretta Castagna, coordinatrice del Centro di Riuso Creativo, che incontriamo assieme all’assessora all’ambiente del Comune di Verona, Ilaria Segala. “Ci importa piuttosto che passi un aspetto culturale e pedagogico, che è poi ciò che distingue il nostro Centro dagli altri. Con quel materiale, infatti, si possono fare molte cose. Questa è la convinzione che abbiamo cercato di promuovere all’interno degli asili nido e delle scuole materne, ma non solo”. 

Un approccio che vede protagonisti il bambino e la bambina che, con del materiale di scarto, riescono a creare tutto ciò che desiderano, senza condizionamenti di alcun tipo. Nelle scuole materne, ad esempio, il materiale fornito dal Centro di Riuso Creativo serve a organizzare alcuni laboratori ma anche ad arricchire i cosiddetti “angoli morbidi”, dove i bambini giocano in tutta libertà, senza che le maestre suggeriscano loro alcunché. 

“La nostra filosofia parte dal non-giudizio”, puntualizza Castagna. “Ognuno fa quello che si sente e che riesce a fare. Si tratta di un punto molto importante, specialmente per i bambini. Se si giudica, infatti, non si potenzia la creatività, ma si va a chiuderla. I nostri laboratori si chiamano proprio ‘Mettiti in gioco’, perché, a partire dal materiale donato dalle aziende, ognuno crea quello che riesce”. 

Nel 2011, quando il Centro di Riuso Creativo ha aperto i battenti a Verona, la pratica del riuso veniva vista con molta più diffidenza rispetto ad oggi. Si è partiti quindi con l’organizzare una serie di laboratori per gli adulti, tra i quali alcuni in collaborazione con un’associazione, Le Fate, che facilita l’integrazione di donne e famiglie straniere nel tessuto culturale e sociale della città di Verona. Un aspetto importante dei Centri di Riuso, infatti, è che riescono a far convivere l’attenzione alla sostenibilità ambientale con quella alla sostenibilità sociale ed economica, perché, come emerge da una ricerca condotta da Zero Waste Italy, in tutta Italia queste realtà creano centinaia di migliaia di posti di lavoro. All’interno del Centro di Riuso Creativo di Verona, in particolare, lavora un gruppo di persone “svantaggiate”, inserite grazie a un progetto dei Servizi sociali del Comune di Verona chiamato “Ria”. 

Si può dire che ci sia stato un cambiamento nel modo di percepire il riuso dal 2011 a oggi? “Rispetto alle insegnanti, sicuramente”, afferma Loretta Castagna. “Infatti, se all’inizio venivano al Centro per prendere una tovaglia o una tenda, adesso si presentano per prendere il materiale tattile. Certamente la sensibilità è cambiata: il riuso è entrato nelle scuole, che lo utilizzano come metodo di lavoro”. 

Uno dei giochi costruiti dall’Ecosportello

L’ecosportello: chi vuole essere “referente ecologico”?

L’ecosportello del Comune di Verona nasce prima del Centro di Riuso Creativo, tra il 2003 e il 2004, e cerca di promuovere un’educazione ambientale a 360 gradi, sia nelle scuole sia tra la popolazione.

“I bambini sono i nostri più grandi alleati”, dice sorridendo Loretta Castagna. “Nelle primarie siamo riusciti a far passare alcuni messaggi: i bambini adesso usano la borraccia e mangiano pochissime merendine. Circa il 44 per cento di loro, poi, viene a scuola a piedi o in bicicletta e spegne le luci della classe quando non serve che siano accese. Si tratta di pratiche molto semplici, ma comunque importanti”.

Sono nati anche i “referenti ecologici”, dei bambini che hanno il compito di misurare i comportamenti sostenibili – o meno – degli altri. 

L’ecosportello lavora anche sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Non si cerca di impartire un insegnamento sui 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, quanto piuttosto di mettere in luce il fatto che tutti gli Obiettivi sono collegati, lavorando sull’importanza della salute, del corretto smaltimento e del riuso dei rifiuti, dell’alimentazione, dell’acqua… 

“Credo che la sensibilità sia aumentata molto anche tra i bambini”, aggiunge Castagna. La referente del Centro di Riuso Creativo spiega anche che ora è arrivato il momento di “fare un passo ulteriore”. “Non basta fare la raccolta differenziata”, dice. “Occorre diminuire i rifiuti, andare a scuola a piedi… Dobbiamo alzare l’asticella, mettiamola così”.

Non servono grandi gesti. Basta semplicemente misurare il cibo avanzato dopo un pranzo in mensa. “È una piccola cosa, ma scatena sempre grandi riflessioni nei bambini”, spiega Castagna. “Come facciamo a non buttar via cibo? Perché ci sono altri bambini che non ne hanno?”.

L’ecosportello ha organizzato anche alcune attività con i ragazzi e le ragazze delle medie, legate in particolare alla mobilità e all’uso della bicicletta in città. È stata creata un’applicazione, “Muoversi”, che sta all’interno di Verona Smart App. Grazie all’app, i ragazzi possono monitorare i loro spostamenti e, più vanno a piedi, più il loro punteggio aumenterà. Il 3 giugno ci sarà la premiazione di un concorso legato a questa applicazione e lanciato dalle scuole in collaborazione con l’ecosportello.  

I giochi costruiti dai bambini e dall’Ecosportello

CENTRO REPLUS di RIVA DEL GARDA

Ritorniamo ora in Trentino. È diversa dall’esperienza del Centro di Riuso Creativo di Verona, caratterizzato da un marcato aspetto pedagogico, la storia del Centro REplus di Riva del Garda, gestito dalla Cooperativa Sociale Garda2015. 

Il Centro ha aperto i battenti a ottobre del 2020, ma la storia della cooperativa parte nel 2015, con la fusione di due cooperative sociali che lavoravano nel settore delle pulizie e della manutenzione del verde. 

“Sono ambiti di cui ci occupiamo ancora, in realtà”, spiega Silvana Comperini, presidente di Garda2015. “Ma abbiamo aggiunto altre attività, legate alla custodia, al censimento dei rifiuti, al quale ci dedichiamo assieme alla Comunità di Valle, e al Centro di Riuso REplus”. 

Il Centro REplus si trova in via Baltera, 19; una zona un po’ decentrata di Riva del Garda, ma che tanti raggiungono grazie al passaparola che, piano piano, sta facendo crescere questa realtà. 

Cosa troverete a REplus…

Non solo abbigliamento, anzi. A REplus si vendono soprattutto libri e oggetti per la casa. Sono questi ultimi a essere apprezzati maggiormente dai cittadini e dalle cittadine. “Se parliamo di abbigliamento, sappiamo che ci sono tanti negozi che dispongono di merce nuova a prezzi bassissimi”, riflette Comperini quando le chiediamo come mai, secondo lei, l’abbigliamento di REplus riscuota meno “successo” rispetto agli altri oggetti in vendita. “Durante un anno passato in casa, poi, le persone probabilmente si sono dedicate di più alla cura degli ambienti interni, e l’abbigliamento che è stato più venduto è sicuramente quello sportivo, perché le uniche occasioni di uscita erano, appunto, quelle sportive”. 

A Replus si trovano, oltre a oggetti per la casa, libri ed abiti usati.

I prezzi della merce sono minimi: si va dai due euro per una maglietta ai cinque, dieci euro per un paio di pantaloni. “Si tratta di prezzi simbolici – dice Comperini – ma la nostra scelta è quella di dire: ‘Ogni pezzo ha un valore, per quanto piccolo’. Quindi, vogliamo che chi acquista lo faccia consapevolmente”. 

La merce che arriva a REplus è donata dai cittadini. “Raccogliamo un po’ di tutto, basta che sia in buono stato”, specifica Comperini. “Il nostro obiettivo, infatti, era sensibilizzare la popolazione rispetto alla donazione. Con il ricavato degli oggetti venduti riusciamo a finanziare le attività della cooperativa e, soprattutto, a sostenere una parte del costo del lavoro delle persone ‘svantaggiate’ che lavorano nel nostro centro”. 

Anche qui, infatti, la dimensione del riuso si fonde con quella sociale ed economica. “C’è una persona che da anni collabora con noi, inserita proprio nel Centro di Riuso”, spiega Comperini. “In questi mesi, poi, abbiamo aumentato la quantità delle persone occupate nella nostra cooperativa: abbiamo dei dipendenti che provengono da progetti come quello legato all’intervento 3.3.B e al Progettone”. 

Molte delle persone impiegate sono donne, che lavorano in sartoria e in lavanderia. La lavanderia, in particolare, nasce con l’intento di sistemare i capi donati dai cittadini prima che questi siano apposti sugli scaffali del negozio. “Da poco, invece, abbiamo attivato anche un servizio di sartoria e di stireria per i cittadini”, aggiunge Silvana Comperini. 

Alcuni giochi e libri per bambini in vendita al Centro REplus, che ha anche materiale per la casa

Riuso e circolarità… Come non pensare alle ruote di una bicicletta?

Due mesi fa ha aperto i battenti anche la ciclofficina della Cooperativa Garda2015. Se ne occupano un gruppo di volontari e un meccanico di professione. “Le amministrazioni comunali ci hanno donato, attraverso la polizia locale, delle bici dismesse che da anni nessuno richiedeva più e che erano state trovate in giro o rubate”, racconta Comperini. “Noi le risistemiamo e le mettiamo in vendita a dei prezzi molto contenuti. È un’attività che sta prendendo molto piede e che interessa tantissimo le persone, probabilmente anche perché la nostra zona si presta molto al movimento su due ruote. Finora abbiamo venduto 50 bici”. 

Per l’estate, la cooperativa Garda2015 sta pensando di organizzare – Covid permettendo – alcune serate dedicate al tema del riuso, ma anche allo sport, in particolare alla bicicletta, con il supporto di un volontario che ha allestito un museo della bicicletta. 

Una delle prime bici vendute nel Centro di Riuso REplus di Riva del Garda, che ha una ciclofficina

In conclusione… Perché vi abbiamo parlato proprio dei Centri di Riuso?

Perché riescono a coniugare le tre dimensioni della sostenibilità: ambientale, sociale ed economica. Anche se i Centri di Riuso nascono anzitutto con l’obiettivo di rimettere in circolo i “rifiuti” – la motivazione ambientale, secondo la ricerca di Zero Waste Italy, pesa per il 51,2 per cento nella creazione di queste realtà – sono forti anche le ragioni sociali, perché questi Centri riescono a integrare persone che altrimenti rischierebbero di rimanere ai margini della società. Più o meno direttamente, poi, si instaura anche un buon rapporto con la sostenibilità economica, perché i Centri di Riuso creano un valore economico. Come si è visto, infatti, danno lavoro a un buon numero di persone. 

Nota: Alcune foto sono tratte dalle pagine Facebook del Centro di Riuso Creativo di Verona e di REplus. 

“Compra Meno, Scegli Bene, Fallo Durare”: El Costurero per una moda più sostenibile

di Maddalena Recla

Photo by Dinh Pham on Unsplash

Sai che nel 2020 il settore della moda è risultato essere una delle maggiori cause di inquinamento a livello mondiale?

Nonostante se ne parli ancora poco, la moda è un business che ha un impatto estremamente dannoso sull’intero ecosistema in termini di produzione di rifiuti, emissione di CO2 e consumo di risorse idriche. Il settore produce di fatto il 20% dello spreco globale di acqua ed è responsabile del 10% delle emissioni di anidride carbonica a livello mondiale, dato comparabile a quello dell’intera Europa. 

Una delle principali cause delle enormi conseguenze portate dall’industria del vestiario risiede nell’affermazione su scala internazionale della fast fashion: un modello di business nato negli anni Ottanta basato su produzioni estremamente rapide in grandi quantità e a prezzi bassi. Negli ultimi decenni, specialmente a partire dagli anni 2000, questo business ha rivoluzionato il mondo della produzione dei vestiti e le abitudini di acquisto delle persone, innescando un circolo vizioso altamente insostenibile. Il modello ha infatti accelerato e aggravato il costo ambientale del guardaroba, portando consumatori e consumatrici a comprare di più e usare meno, creando tassi di spreco elevati e favorendo delle scelte dannose per l’ambiente, i lavoratori e le lavoratrici. 

Secondo la Ellen McArthur Foundation, se nei prossimi anni non si riuscirà a ridurre l’impatto negativo del settore, entro il 2050 l’industria della moda consumerà il 25% del carbon budget mondiale, ossia il bilancio che indica la quantità di CO2 che possiamo ancora emettere nell’ atmosfera senza sforare la soglia dei 2 gradi centigradi di aumento della temperatura globale, rispetto ai livelli preindustriali – obiettivo affermato dagli Accordi di Parigi del 2015. 

Considerando il contesto in cui ci troviamo, un cambio di rotta risulta dunque necessario per il benessere del pianeta. Di fondamentale importanza, in quest’ottica, è e sarà cruciale promuovere una trasformazione culturale che riesca a mutare i comportamenti quotidiani delle persone. Per questo motivo, a livello globale numerosi movimenti e organizzazioni  sostengono da anni l’esigenza di un cambiamento, cercando di orientare tutti e tutte verso un consumo più critico e consapevole.

Anche a Trento ci sono persone che si impegnano ogni giorno per promuovere una moda più consapevole e rispettosa dell’ambiente e degli individui. Un esempio tra queste è Sandra Toro, fondatrice dell’Associazione El Costurero. Da oltre cinque anni, tramite la sua organizzazione, Sandra cerca di trasmettere alla comunità trentina l’importanza di un comportamento più sostenibile, che eviti gli sprechi e diffonda la cultura dello zero waste, quindi zero sprechi, anche quando si tratta di vestiario. In particolare, El Costurero promuove il riuso e il riciclo dei vestiti attraverso lezioni e laboratori in cui viene trasmessa la tecnica del cucito, grande passione della sua fondatrice.

Ecco l’intervista che abbiamo realizzato con Sandra per scoprire di cosa si occupa El Costurero e per capire meglio come avere un guardaroba sostenibile!

Cos’è “El Costurero”?

El Costurero è un’associazione culturale che nasce nel 2015 a Trento con l’obiettivo di promuovere, valorizzare e divulgare il riutilizzo di materiali, attraverso workshop di sartoria sovversiva e incontri su tematiche legate alla sostenibilità, all’ecologia e al risparmio delle risorse. Nel laboratorio di Trento in via Torre D’augusto 9, nel quartiere di San Martino, si può per partecipare a corsi, attività e workshop dove imparare a cucire e riciclare materiali che di solito vengono buttati via.

Una curiosità: da dove deriva il nome?

El costurero in spagnolo è la scatoletta dove si tengono tutte le cose per cucire (fili, aghi, forbici, bottoni ecc). Nella mia città, a Medellín in Colombia, ai tempi delle nonne, era anche il momento di ritrovo delle donne, dove si faceva maglia, uncinetto, rammendo e si chiacchierava.

È stato difficile portare l’idea del riuso di materiali e vestiti in Trentino? 

È stato molto difficile, lo è ancora e lo sarà per un po’.

Quanto è stato importante entrare in relazione con altre realtà sensibili a queste tematiche (come Fa’ la Cosa Giusta! Trento e il Distretto Economia Solidale) per lo sviluppo dell’Associazione?

Penso che fare rete sia una cosa molto importante, ancora di più quando stai cercando di dire al mondo un messaggio che forse ancora non vuole ascoltare. Fin dall’inizio ho cercato di collaborare con tutte le associazioni e realtà sul territorio e questo sicuramente mi ha aiutato a portare il mio messaggio più velocemente di come sarei riuscita a fare da sola. In cinque anni siamo passati da una stanzetta a Gardolo a un laboratorio in San Martino, e abbiamo partecipato alla maggior parte degli eventi a Trento e dintorni dove si parla di sostenibilità, ecologia e risparmio di risorse.

Quali sono i principali miti da sfatare quando si parla di moda sostenibile/riuso dei vestiti?

Mito 1

Donare i vecchi vestiti è un metodo sostenibile per ripulire l’armadio.

Verità

Mentre i negozi dell’usato e di carità donano o vendono una parte dei vestiti che ricevono, la maggior parte dei vestiti donati finiscono o nelle discariche o spediti nei Paesi in via di sviluppo (principalmente in Africa), fattore che ha un impatto negativo sulle industrie locali. In generale, solo il 10% dei vestiti donati ai negozi dell’usato viene venduto. 


Mito 2

I vestiti comprati online e restituiti vengono rivenduti.

Verità

I resi finiscono in discarica o bruciati. Il più delle volte per le aziende è meno costoso disfarsi dei resi che ispezionarli e rimpacchettarli. I brand non vogliono che vengano donati per paura che il prezzo crolli o danneggi la loro esclusività. Negli ultimi cinque anni il volume dei resi da acquisti online è incrementato del 95%.


Mito 3

Se il capo è più costoso allora meno lavoratori saranno stati sfruttati.

Verità

Molti dei brand di medio e alto prezzo in realtà producono nelle stesse fabbriche dei brand del fast fashion. Questo vuol dire che i diritti e le condizioni dei lavoratori sono le stesse sia per i brand costosi che per quelli a basso costo. Il prezzo di un capo non garantisce che i lavoratori siano stati pagati il giusto perché il costo del lavoro è solo una minima parte del totale dei costi di produzione.

Quale potrebbe essere un consiglio da dare e da usare quotidianamente (alla portata di tutti/e) per essere più sostenibili quando si parla di riutilizzo dei materiali e di vestiti?

Compra meno, scegli bene, fallo durare.

Quando si comprano vestiti, quali sono gli aspetti più importanti a cui fare attenzione (materiali, lavorazione, costo, ecc)? E quanto è importante leggere l’etichetta?

Sicuramente la cosa più importante è leggere l’etichetta: da lì si possono ricavare molte informazioni utili, come i materiali e dove è stato prodotto il capo. Ma non è abbastanza: tante volte i materiali e luoghi di produzione sono ingannevoli perché ci sono margini entro i quali si possono modificare queste informazioni. Io consiglio alle mie costureras di guardare anche sempre le cuciture e sentire il materiale al tatto. Se lo facessimo tutti avremo “l’occhio più allenato”. Il prezzo è poco rilevante se non si è in grado di valutare la qualità.

Portando lo sguardo sulla situazione attuale, è evidente come la pandemia abbia rappresentato un momento di grandi difficoltà e cambiamenti per quanto riguarda le tematiche legate alla sostenibilità. Secondo te, che impatto sta avendo sulle abitudini individuali per quanto riguarda l’acquisto/riuso di vestiti? 

Su questo non ti saprei rispondere (non ho abbastanza elementi in mano per valutare). Sicuramente per noi è stato un momento molto difficile, perché con le restrizioni dovute al Covid non possiamo fare gli swap party, che non vediamo l’ora di poter tornare a fare.

A fine aprile si è tenuta la Fashion Revolution Week, un’iniziativa del movimento Fashion Revolution, il quale si batte per un’industria della moda che rispetti le persone e l’ambiente. Vista la tua adesione al movimento, quale credi sia la sfida maggiore al momento per quanto riguarda l’affermazione di un modello di moda più sostenibile? 

Bisogna che i consumatori diventino più consapevoli e le leggi più chiare e restrittive. Sicuramente si stanno facendo molti passi avanti con nuovi materiali e nuovi modelli di produzione, ma la catena è molto lunga e bisogna agire in tutti i suoi anelli. 

Durante la Fashion Revolution Week noi ci siamo impegnati – come sempre – a raccontare alle persone cosa sta succedendo e chiedere ai brand #WhatsInMyClothes e #WhoMadeMyClothes.

I sette consigli di Sandra per un guardaroba sostenibile:

  • comprare vintage o di seconda mano
  • supportare i negozi locali
  • comprare equosolidale
  • affittare
  • partecipare a uno swap party
  • personalizzare 
  • riparare

Vi aspettiamo nel laboratorio!

Per qualsiasi informazione su “El Costurero” e le sue attività potete visitare il sito o seguire i profili Facebook e Instagram.  

Fonti 

Transizione ecologica: verso un mondo più sostenibile… ma per chi?

di Fabiana Pompermaier

Tic, tac. È pressante il ticchettio dell’orologio biologico della Terra, che ci ricorda che abbiamo nove anni per fermare la nostra corsa incontrollata verso danni irreversibili all’ecosistema del Pianeta. Entro il 2030, siamo chiamati ad attuare delle azioni concrete che frenino l’aumento delle temperature e permettano di salvaguardare la straordinaria biodiversità che ha reso per millenni la Terra un posto florido per la vita.

Alcune timide risposte sembrano essere arrivate. A fine 2019, l’Unione Europea ha presentato il Green Deal, un piano d’azione che promuove politiche volte a rendere l’economia del continente più pulita e circolare, ripristinare la biodiversità e ridurre l’inquinamento entro il 2050. Un piano sicuramente ambizioso, ma per certi aspetti non abbastanza, che dimostra come il cambiamento verso un mondo più sostenibile passi attraverso la transizione ecologica, una trasformazione energetica che riduce la dipendenza dai combustibili fossili e favorisce le energie rinnovabili e pulite. 

Sulla spinta delle promesse europee, anche in Italia sono stati introdotti degli incentivi per migliorare le performance energetiche delle nostre abitazioni, ma anche per promuovere una mobilità più sostenibile: i “bonus bici” o “bonus monopattino”, di cui si è tanto dibattuto negli ultimi mesi, ne sono un esempio, così come le agevolazioni per l’acquisto di auto elettriche o ibride e la conseguente proliferazione di colonnine di carica nelle nostre città.

Foto di Marilyn Murphy da Pixabay

Interessante è stata la risposta della popolazione alla promozione di questi nuovi gadget tecnologici, infatti, i portali per la richiesta dei contributi pubblici per l’acquisto di biciclette elettriche sono stati inondati di domande in poche ore, e quasi 2.5 milioni di italiani starebbero considerando l’acquisto di un monopattino elettrico (Ansa, agosto 2020). Per soddisfare questa crescente richiesta, numerose amministrazioni locali introducono poi il servizio di noleggio condiviso, 500 monopattini elettrici sono stati aggiunti al pacchetto di mobilità sostenibile solo nel Comune di Trento. Positivi sono anche i dati riguardanti la vendita di auto elettriche: in Italia, a novembre 2020, si è registrato un aumento del 173% rispetto all’anno precedente. 

Questa presa di coscienza è fondamentale e risulta inevitabile contribuire alla “Rivoluzione verde”. È altrettanto importante riflettere sugli impatti che questa transizione ecologica ha e può avere in diversi contesti nel mondo, cercando di imparare dalle esperienze passate, considerando come altre rivoluzioni tecnologiche e sviluppi indiscriminati hanno portato pesanti conseguenze per il pianeta e i suoi popoli. L’agire sostenibile, nelle sue dimensioni ambientale, sociale ed economica, parte dall’aprire lo sguardo, scrutare oltre l’orizzonte temporale e geografico della nostra realtà e domandarsi: tutto questo è davvero sostenibile? E per chi?

I minerali fondamentali per la transizione ecologica: il cobalto e il coltan

Nel 2020, la Banca Mondiale ha pubblicato un report intitolato “Minerals for Climate Action: “The Mineral Intensity of the Clean Energy Transition” (Minerali per l’Azione climatica: la Dipendenza da Minerali della Transizione all’Energia Pulita), che analizza i componenti alla base della transizione ecologica, come auto elettriche e tecnologie energetiche legate alla produzione di energia eolica, solare e geotermica, senza dimenticare gli onnipresenti dispositivi informatici. Ciò che caratterizza queste tecnologie è la dipendenza da minerali quali grafite, litio, rame, cobalto e coltan. Questi minerali sono fondamentali per la produzione di queste tecnologie, perché, nel caso di litio, cobalto e coltan, sono necessari per la realizzazione delle batterie da cui questi dispositivi dipendono.

Più ambiziosi diventano gli obiettivi legati al clima, più minerali e metalli saranno necessari per un futuro a basse emissioni“.1

La Banca Mondiale stima che, entro il 2050, saranno necessarie 3 miliardi di tonnellate di metalli e minerali per poter provvedere all’incremento previsto di energia solare, eolica e geotermica e il suo stoccaggio. Per il cobalto significa un aumento di estrazione e produzione del 500%. Simili previsioni anche per il coltan, abbreviazione di columbite-tantalite, fondamentale per la produzione missilistica e nucleare ma anche, e soprattutto, per la telefonia mobile.

SRSG visits coltan mine in Rubaya © MONUSCO/Sylvain Liechti CC BY-SA 2.0

Da dove vengono questi minerali e come vengono estratti? Per rispondere a questa domanda abbiamo parlato con Alice Pistolesi, redattrice dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo, e autrice di un articolo sui danni ambientali causati dall’altro sorvegliato speciale nella transizione ecologica, il litio. Insieme, scopriamo che  il 60% delle riserve mondiali di cobalto sono nella Repubblica Democratica del Congo, una percentuale che tocca l’80% per il coltan. 

Foto di Kudra Abdulaziz da Pixabay

La Repubblica Democratica del Congo: uno scandalo geologico

C’è una leggenda che viene raccontata nei villaggi delle regioni sud-orientali della Repubblica Democratica del Congo (RDC): Dio, stanco del suo peregrinare in giro per il mondo per distribuire le risorse, inciampò nel Kilimangiaro e il sacco che portava sulle spalle gli cadde, riversando il suo contenuto nel Paese. Questa consapevolezza ci viene confermata da Alice Pistolesi, che descrive la RDC come ”uno scandalo geologico, un Paese così tanto ricco di ogni tipo di risorse da essere scandaloso. È come se, quando c’è stata la distribuzione di queste risorse, quasi tutte si fossero concentrate in questo pezzo di mondo. Questa, che potrebbe sembrare una benedizione, in realtà assolutamente non lo è, anzi si è trasformato nella maledizione di questo territorio”. 

In RDC, uno Stato grande quanto tutta l’Europa occidentale, infatti, non si trovano solo le più grandi riserve di cobalto e coltan a livello mondiale, ma anche importanti quantità di diamanti, oro, uranio e rame, oltre che legname pregiato proveniente dalle sue imponenti foreste pluviali. Di fronte a tanta disponibilità di risorse e considerando le tendenze mondiali che portano alla crescente digitalizzazione e transizione ecologica, verrebbe da pensare che la RDC sia uno degli Stati più ricchi del mondo, alla stregua delle monarchie del Golfo. 

La realtà è ben diversa: nel 2020, la RDC si posiziona al 175esimo posto su 189 paesi nella classifica stilata dalle Nazioni Unite, con un indice di sviluppo umano pari al 0,48. Questa classifica guarda alle condizioni di vita, all’accesso alle infrastrutture sanitarie e all’istruzione, alla distribuzione delle risorse economiche e alla sicurezza della popolazione. Per la RDC significa che il 73% della popolazione, equivalente a 60 milioni di persone, pari all’intera popolazione italiana, vive al di sotto della soglia di povertà, con meno di $1.90 al giorno. Come accennava Alice Pistolesi, la presenza massiccia di risorse nel sottosuolo si è trasformata non solo in una maledizione per il popolo congolese, ma anche in una causa di guerre e violazioni dei diritti umani. 

I minerali e il conflitto

“Non c’è mai una sola causa che porta alla guerra: ci sono sempre una serie di cause che portano all’estrema conseguenza che è poi il conflitto”. Alice Pistolesi sottolinea che,  come per il Mozambico,  anche per la situazione in RDC non ci sia una causa unica che spiega decenni di privazioni e conflitti: la corruzione dilagante, gli appetiti e interessi internazionali, le lotte interne per i confini e gli attriti etnici e religiosi sono spesso legati a doppio filo con l’accaparramento delle risorse minerarie. In questo contesto, minerali come il coltan e il cobalto vengono chiamati “minerali da conflitto”, perché coinvolti nelle dinamiche di potere che spesso sfociano in violenza, tra diversi gruppi armati e nei confronti dei civili. 

A febbraio 2021, l’ambasciatore italiano in RDC Luca Attanasio è stato ucciso insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e al loro autista, Mustapha Milambo, sulla strada tra Goma e Rutshuru, nella provincia congolese del Nord Kivu. Proprio in quell’area, come nel resto della regione sud-orientale della RDC, sono concentrate le miniere di coltan e di cobalto. La presenza delle miniere ha portato queste regioni, al confine con l’Uganda e il Ruanda, a diventare l’epicentro di conflittualità che perdurano dalla fine degli anni ’90. Oltre 120 gruppi armati si contendono il controllo delle risorse, supportati e finanziati dai governi degli Stati vicini e dagli interessi delle multinazionali che operano nella zona, e mal fronteggiati da un lacunoso Stato centrale, spesso incapace di controllare le azioni delle sue stesse forze armate. 

La DRC è spesso definita, infatti, uno “Stato fallito”, un Paese nel quale il governo centrale, che ha sede nella lontana capitale Kinshasa, non riesce a mantenere il controllo sul territorio, a provvedere alle necessarie funzionalità quali istruzione, infrastrutture, ospedali, e ad assicurare il rispetto delle leggi in modo trasparente attraverso gli organi di controllo. “Questo fa sì che le bande armate prolifichino, che ci sia un vastissimo reclutamento, soprattutto di giovani, all’interno di queste bande armate, che molto spesso non si sa bene a chi rispondono. Perché? Perché ovviamente non si vedono alternative. Lo Stato non riesce a garantire una centralità di potere”, commenta Alice Pistolesi. 

Una storia complessa e sanguinosa

Questa situazione di instabilità ha radici profonde, nella storia coloniale e d’indipendenza del Paese. I libri di storia sono macchiati dalle atrocità commesse da Leopoldo II, re dei Belgi, che dal 1885 al 1908 considerò il Congo il suo giardino personale, ben consapevole delle straordinarie risorse di cui disponeva, e mise in atto delle politiche che vengono considerate oggi un genocidio. Dall’indipendenza, conquistata nel 1960, fino agli anni ’90, la RDC viene controllata da un regime dittatoriale che vede accentrare nella figura del presidente Mobutu tutti i poteri (e le risorse). 

Gli anni ’90 sono stati anni di profondo sconvolgimento per la RDC, anche sulla scia di ciò che succedeva al di là dei suoi confini. Nel 1994, il genocidio in Ruanda sconvolge il mondo, anche per l’immobilità della comunità internazionale, e porta 3 milioni di persone a rifugiarsi nella zona di Goma, Nord Kivu nel giro di una settimana. Se è vero che la maggior parte degli sfollati rientrano dopo pochi mesi, lasciano comunque alle spalle una devastazione ecologica e delle tensioni che perdurano tutt’oggi. 

MONUSCO Uruguayan Peacekeepers patrol the town of Pinga to secure the place left without police or FARDC after NDC militia withdrew, the 4th of December 2013. © MONUSCO/Sylvain Liechti CC BY-SA 2.0

Tra il ’98 e il 2003 si raggiunge il periodo di più elevata conflittualità, con quella che è stata rinominata la Guerra Mondiale d’Africa, a causa del numero di Paesi coinvolti. In questo periodo si aggiunge un altro importante attore in campo: le Nazioni Unite decidono di inviare in RDC una missione di pace, una delle più dibattute e controverse, anche per la sua lunga permanenza nel Paese e l’ingente uso della forza che è autorizzata ad operare, la MONUSCO (Mission de l’Organisation des Nations Unies pour la stabilisation en République démocratique du Congo).  Risale al 2002 il Rapporto Onu che traccia il collegamento tra il conflitto e la presenza di multinazionali, aziende straniere interessate all’accaparramento delle risorse, che sono accusate di favorire conflitti civili nell’area. 

Alice Pistolesi ci spiega che questo è stato un momento di svolta soprattutto perché gli attori in gioco si sono resi conto che una guerra aperta non era sostenibile, non per la popolazione o per la devastazione che inevitabilmente portava alla biodiversità, ma per gli affari, per l’estrazione dei minerali. Si è ben presto capito che una guerra a bassa intensità era più conveniente: “è un conflitto che non sfocia mai in una guerra aperta, che è caratterizzata da combattimenti costanti, trincee, bombardamenti, coprifuoco.

Quest’ultima è una di quelle guerre che fermano tutto, non c’è troppa possibilità di fare altro mentre il territorio viene bombardato. Come si definisce, invece, un conflitto a bassa intensità? È quello che fa sì che la “vita” possa andare avanti, e che si possa quindi continuare ad estrarre.”

Quando lo sfruttamento nelle miniere incontra il conflitto

Non commettiamo l’errore di pensare che questo tipo di conflitto sia meno logorante. Una miccia accesa, che brucia lentamente, costantemente, lascia al suo passaggio la strada spianata per privazioni e violazioni dei diritti fondamentali. In un contesto che è divenuto terra di nessuno a causa dell’assenza assordante dello Stato centrale e dei giochi di potere di signori della guerra vicini e lontani, le principali vittime sono le categorie più fragili: le bambine e i bambini, e le donne.

Nel 2015, Amnesty International ha pubblicato un report che analizza la situazione nelle miniere in RDC, chiamato: This is what we die for, “Questo è ciò per cui moriamo”. Il settore dell’estrazione mineraria è caratterizzato da profonda povertà ed estrema corruzione, da conflitti costanti e abusi sessuali, su una scala talmente estesa che è difficile da comprendere. Per provare a capire, bisogna pensare che le economie dell’Africa sub-sahariana dipendono dai sistemi di lavoro informali, cioè non contrattualizzati e privi di qualsiasi assistenzialismo. Si tratta di un sistema che coinvolge 20 milioni di persone, e ne supporta indirettamente 100 milioni. A sua volta, il processo di estrazione di cobalto e coltan nella RDC è dipendente dallo sfruttamento minorile.

Jclaboh, CC BY-SA 4.0 https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0, via Wikimedia Commons

L’UNICEF stima che ogni giorno lavorino all’interno delle miniere di cobalto e coltan 40.000 bambine e bambini, costretti a turni estenuanti e privi di qualsiasi tipo di protezione (Luca Attanasio, Domani, 2021). Come gli adulti, infatti, vengono impiegati all’interno di tunnel che scendono nel sottosuolo per decine di metri, supportati da sistemi precari e mal ventilati. I crolli e gli infortuni sono all’ordine del giorno, tali per cui è difficile avere delle stime accurate che ne descrivano l’incidenza. 

Inoltre, Il coltan è un materiale radioattivo, e venendo toccato e lavorato per la pulizia senza guanti, lascia sulla pelle l’uranio di cui è composto. Anche l’esposizione cronica al cobalto porta all’insorgenza di malattie respiratorie, dermatiti croniche e tumori.
A questo si aggiunge lo sfruttamento e distruzione ambientale, che porta a un’ingente perdita di biodiversità e deforestazione, e l’inquinamento dell’aria e delle falde acquifere da cui dipendono i villaggi circostanti. 

Creuseurs at Gecamines, Kolwezi ©Fairphone CC BY-NC 2.0

Alice Pistolesi ci aiuta ad aggiungere un altro tassello fondamentale per comprendere la gravità della situazione in RDC, e a delineare i modi in cui il conflitto si inserisce in questo sistema di sfruttamento. Non solo i gruppi armati attingono dalle miniere per reclutare nuovi membri, assoldati per terrorizzare  la popolazione locale e destabilizzare la situazione, ma, come in altri contesti conflittuali, lo stupro è utilizzato come arma di guerra. Nel 2018, il ginecologo congolese Denis Mukwege e Nadia Murad, con lui impegnata a denunciare le violenze, vincono il Premio Nobel per la Pace per il prezioso lavoro di ricostruzione e denuncia di questi crimini. 

“Lo stupro ha un doppio significato- spiega Alice Pistolesi – la donna viene stuprata, viene stigmatizzata, quindi viene messa agli angoli del villaggio, e non viene più reinserita all’interno della comunità. Questo fa sì che il territorio di disgreghi”. La distruzione del tessuto sociale è anche rispecchiata nel massiccio abbandono delle attività agricole, principale forma di sostentamento locale, per lavorare nelle miniere. I salari dei minatori sono bassissimi, meno di $2 al giorno, ma sono appositamente mantenuti più alti rispetto alla paga media di un lavoratore locale, per attirare sempre più persone. 

Il ritorno della ricchezza: la discarica di Agbogloshie

Entering Agbogbloshie ©Fairphone CC BY-NC 2.0

Nel considerare gli impatti che la digitalizzazione e la transizione ecologica hanno nel mondo, non si può non parlare del fine vita di questi apparecchi. Dove finiscono i computer, i cellulari, le batterie e la miriade di gadget tecnologici da cui siamo circondati?
La filiera produttiva parte, come abbiamo capito, dalla Repubblica Democratica del Congo, dove i minerali come il coltan e il cobalto vengono estratti. Il secondo passaggio avviene quanto questi minerali vengono venduti, principalmente ad aziende cinesi, per essere portati in Asia per la raffinazione. Vengono poi venduti nel mercato occidentale e quindi la loro ricchezza viene portata altrove.

“In che modo questa ricchezza torna in Africa?”, spiega Alice Pistolesi. “Torna in Africa sotto forma di rifiuto. In Ghana, ma non solo, c’è la più grande discarica di rifiuti tecnologici, una discarica a cielo aperto immensa. Come se fosse una vera e propria città, popolata dai rifiuti tecnologici europei e occidentali”. Ogni anno, infatti, nel mondo sono prodotti 40 milioni di tonnellate di rifiuti tecnologici. Solo una piccola parte vengono riciclati, mentre i restanti finiscono in aree come la discarica di Agbogloshie, nella periferia di Accra (Ghana).

Cosa facciamo (e possiamo fare) noi?

A gennaio 2021, è entrato in vigore un regolamento europeo che impone agli importatori europei di stagno, tungsteno, tantalio e oro di garantire che le loro catene di approvvigionamento non siano legate ai conflitti armati. Garantire la tracciabilità dei minerali in contesti complessi come la RDC che, come abbiamo visto, sono spesso un buco nero di interessi, dinamiche e violenze interconnesse è sicuramente un passo avanti. Ma non si tratta di un’impresa semplice.

Leggere le etichette, informarci sulla filiera produttiva dei prodotti che usiamo quotidianamente, tracciare la loro provenienza, può fare la differenza. 

Tic, tac. L’orologio biologico, per di più, continua a scandire il passare del tempo, il che rende la transizione ecologica sempre più urgente ed inevitabile. “Ci state rubando il futuro”. Nel dicembre 2018, una platea di alti funzionari e diplomatici ascolta sbigottita le parole pronunciate da Greta Thunberg, divenuta la rappresentante di un movimento che ha riempito di giovani le strade di mezzo mondo e che chiede a gran voce un cambiamento, perché non c’è più tempo. L’agire sostenibile, nelle sue dimensioni ambientale, sociale ed economica, parte dall’aprire lo sguardo, scrutare oltre l’orizzonte temporale e geografico della nostra realtà e domandarsi: tutto questo è davvero sostenibile? E per chi?

Note

1 Testo originale: “The more ambitious the climate targets become, the more minerals and metals will be needed for a low-carbon future”, traduzione personale. 

Bibliografia

Amnesty International, This is what we die for – Human rights abuses in the Democratic republic of the Congo power the global trade in cobalt, 2015. 

Amnesty International, DRC: Alarming research shows long lasting harm from cobalt mine abuses, 6 maggio 2020, https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/05/drc-alarming-research-harm-from-cobalt-mine-abuses/

Redazione Ansa, Monopattini elettrici, agli italiani piane sempre di più, Ansa 20 agosto 2020, https://www.ansa.it/canale_motori/notizie/eco_mobilita/2020/08/20/monopattini-elettrici-agli-italiani-piace-sempre-di-piu_b2ee258b-fd7c-47ba-b3c0-9c24a886f6c1.html

Arthur Usanov et al. Coltan’s connection to the conflict in the DRC in Coltan, Congo & Conflict, The Hague Centre for Strategis Studies, 2013. 

Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo, Goma: un inferno nel conflitto infinito della RD Congo, 24 febbraio 2021, https://www.atlanteguerre.it/goma-linferno-nellafrica-il-conflitto-costante-della-rd-congo/

Banca Mondiale, Minerals for Climate Action: “The Mineral Intensity of the Clean Energy Transition”, 2020. 

Camillo Casola, Il cuore fragile della Repubblica Democratica del Congo, ISPI, 24 febbraio 2021, https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/il-cuore-fragile-della-repubblica-democratica-del-congo-29405 

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Final report of the Panel of Experts on the Illegal Exploitation of Natural Resources and Other Forms of Wealth of the Democratic Republic of the Congo, S/2002/1146, Ottobre 2002. 

Jacopo Ottaviani, La repubblica dei rifiuti elettronici, Internazionale, 2015, https://www.internazionale.it/webdoc/ewaste-republic/ .

Luca Attanasio, Katanga, sette bambini su dieci in miniera per due euro al giorno, Domani, 26 ottobre 2020, https://www.editorialedomani.it/politica/mondo/congo-miniere-bambini-cobalto-qi2pix2y .

Raffaello Zordan Minerali e conflitti, l’UE detta le regole che obbligano le imprese estrattive a dichiararne la provenienza da luoghi di guerra e instabilità, La Repubblica, 5 febbraio 2021, https://www.repubblica.it/solidarieta/emergenza/2021/02/05/news/minerali_e_conflitti_l_ue_detta_le_regole_che_obbligano_le_imprese_estrattive_a_dichiararne_la_provenienza_da_luoghi_di_gue-286144628/

Roberto Mostarda, L’altra faccia dell’energia pulita, Wall Street Journal Magazine, 2 settembre 2019, https://wsimag.com/it/scienza-e-tecnologia/57154-laltra-faccia-dellenergia-pulita.

Vincenzo Genovese, Auto elettriche in Italia: a che punto siamo?, SkyTG24, 23 novembre 2020, https://tg24.sky.it/tecnologia/2020/11/23/auto-elettriche-italia#:~:text=Boom%20di%20auto%20elettriche%20e%20ibride%2C%20%2B72%25%20nel%202020&text=Si%20tratta%20di%20un%20dato,allo%20stesso%20periodo%20del%202019

Il Mozambico nella morsa della “maledizione delle risorse”

di Marianna Malpaga

© Gianpaolo Galileo Rama del Consorzio Associazioni con il Mozambico

Abbiamo scelto di parlare del conflitto di Cabo Delgado perché, oltre ad essere un tema di stringente attualità, ci consente di presentare alcuni concetti chiave che emergeranno nella prima fase della campagna di sensibilizzazione Vivila in 3D, dedicata alla “lettura delle etichette”. Possiamo leggere le etichette dei prodotti quando compriamo qualcosa al supermercato, ma possiamo anche iniziare a “leggere le etichette” in senso lato, domandandoci ad esempio da dove viene ciò che consumiamo quotidianamente (o che potremmo consumare in futuro).

A Cabo Delgado, infatti, c’è il gas naturale e ci sono delle multinazionali che lo estraggono. Questa, come ci ha spiegato il professore dell’Università di Trento Corrado Diamantini, non è l’unica causa del conflitto, ma è certamente un elemento che acuisce l’insoddisfazione della popolazione locale, e che di conseguenza alimenta la guerra. 

Oltre al conflitto di Cabo Delgado, è l’intero stato dell’arte delle politiche di sviluppo in Mozambico che ci consente di affrontare concetti chiave per la cooperazione internazionale, lo sviluppo e la sostenibilità: il land grabbing e la maledizione delle risorse. 

Cabo Delgado, “l’eldorado del gas” al centro del conflitto 

A inizio marzo, Amnesty International pubblicava un report con un titolo piuttosto eloquente: What I saw is death, “Quello che ho visto è la morte”. Il documento si riferisce a quanto sta avvenendo nel Nord-est del Mozambico, precisamente nella provincia di Cabo Delgado, dove è in corso un conflitto che vede contrapporsi un gruppo jihadista che i locali chiamano Machababos, da al-Shabaab (in somalo “la gioventù”), e le milizie nazionali e private – a cominciare dalla sudafricana Dyck Advisory Group – assoldate dal governo mozambicano per far fronte all’insorgere dell’estremismo islamico. 

Il Mozambico assurge raramente agli “onori” della cronaca, fatta eccezione per le catastrofi naturali che l’hanno colpito negli ultimi anni, primi fra tutti, nel 2019, i cicloni Idai e Kenneth. Il secondo, in particolare, si è abbattuto a fine aprile proprio nella provincia di Cabo Delgado. 

Il 24 marzo, racconta Antonio Tiua in un articolo apparso sul giornale mozambicano “O Pais”, Palma era una città “praticamente deserta”. L’ultimo attacco documentato di al-Shabaab, durato dieci giorni, ha avuto come epicentro proprio questa cittadina del Nord-est del Mozambico, e ha costretto molti dei suoi abitanti a rifugiarsi a Pemba, capoluogo della provincia di Cabo Delgado. Palma, come hanno confermato le forze di difesa governative, è stata poi abbandonata dai jihadisti. Questa incursione, però, è solamente l’ultimo episodio di un conflitto che si protrae dall’ottobre del 2017, quando al-Shabaab condusse per la prima volta un attacco a Mocimboa da Praia. 

È un caso che le rivendicazioni del gruppo jihadista locale, che non ha niente a che vedere con la formazione somala al-Shabaab, si concentrino in una provincia che l’organizzazione non governativa francese Les amis de la Terre ha definito l’eldorado gazier, cioè “l’eldorado del gas”? Il Mozambico è un Paese ricco di materie prime con un’economia che è cresciuta nello scorso decennio a ritmi elevatissimi. Eppure, nel 2019 l’indice di sviluppo umano (HDI in inglese), che aggrega gli indicatori su aspettativa di vita, istruzione e reddito pro capite, non superava lo 0,456, lasciando il Paese al 181° posto di una classifica che comprende i 193 Paesi membri delle Nazioni Unite. 

Uno scenario complesso: i fattori in gioco

Le circostanze descritte fino ad ora potrebbero portare a una lettura semplificata del contesto, che però non corrisponde alla realtà: il conflitto ha molteplici cause, e non può essere ricondotto alla sola presenza di importanti giacimenti di gas naturale e di altre risorse naturali a Cabo Delgado. Le cause della guerra in atto a Cabo Delgado non sono direttamente riconducibili all’estrazione di gas naturale, cui partecipano la Francia, con Total,  l’Italia, con Eni, e  gli Stati Uniti con Exxon Mobil. Ciò non vuol dire che la “questione delle risorse” non vi rientri. Ne parliamo con Corrado Diamantini, professore dell’Università di Trento e membro della cattedra Unesco in Ingegneria per lo sviluppo umano e sostenibile della stessa Università. Il professore, che è stato a più riprese in Mozambico, collabora con il Consorzio Associazioni con il Mozambico, che ha sede a Trento e a Beira (provincia di Sofala Mozambico), e conosce bene i luoghi in cui sono in corso gli scontri. 

Diamantini suggerisce di staccarci per un attimo da ciò che sta avvenendo a Cabo Delgado e di guardare alla terra, la risorsa più preziosa per un Paese che vive di agricoltura, che in Mozambico è oggetto di accaparramento da parte di molti investitori esteri (land grabbing) con il concorso dello stesso governo. Un riferimento tra i tanti è costituito dal progetto ProSavana, frutto di un accordo stipulato nel 2010 tra Maputo, Tokyo e Brasilia, che permetterà a imprese giapponesi e brasiliane di sostituire la produzione familiare tipica dell’agricoltura mozambicana con monocolture intensive di soia. Con un “piccolo” inconveniente: gran parte della popolazione che abita quelle terre sarà costretta ad andarsene. In questo caso, però, come spiega Diamantini “la risposta non è violenta, ma consiste nella mobilitazione popolare e nell’azione delle organizzazioni contadine”. “Quindi – prosegue il professore – non si può stabilire un rapporto diretto di causa ed effetto tra sfruttamento delle risorse, tra cui quelle presenti a Cabo Delgado, e il conflitto in atto, altrimenti saremmo in presenza di una guerra generalizzata in tutto il Mozambico, a partire dalla provincia di Gaza, a sud, dove i cinesi estraggono terre rare pesanti, fino a Moatize, a ovest, dove i brasiliani estraggono carbone”.

Il conflitto di Cabo Delgado, che ha provocato sinora più di 2.500 morti e 700 mila sfollati, va ricondotto, secondo il professore, a tre fattori che agiscono in modo sinergico. 

Il radicalismo islamico fa breccia lungo la costa mozambicana

Alessandro Vivaldi, in un articolo apparso su “Africa Rivista”, parla d’insurgency (“insurrezione”), più che di terrorismo, per definire quanto sta avvenendo nel Nord del Mozambico. Il primo attacco di al-Shabaab è avvenuto il 5 ottobre 2017, quando un gruppo di trenta uomini ha preso d’assalto la cittadina di Mocimboa da Praia, non lontana dal confine con la Tanzania. In realtà, la radicalizzazione del gruppo di giovani musulmani è avvenuta anni prima. 

Il primo fattore del conflitto in atto a Cabo Delgado, come ci spiega Diamantini, è proprio “la radicalizzazione di un gruppo di giovani musulmani appartenenti a una minoranza della popolazione di Cabo Delgado, i Mwani”. “I Mwani vivono lungo la costa e nelle isole, praticano la pesca e il commercio risalendo l’Oceano Indiano con piccole imbarcazioni tradizionali, i dau”, prosegue Diamantini. “Parlano, oltre a kimwani, il kiswahili, ossia la lingua franca della costa orientale africana. Sono musulmani: da bambini frequentano più le madrasse che le scuole statali. Questo per dire che si tratta di una popolazione che è da sempre in contatto con altri Paesi, come la Tanzania e il Kenya. Se poi si tiene presente il traffico illegale di avorio, di rubini e di eroina, che, come è noto, proviene dall’Afghanistan, raggiunge l’Iran e da lì arriva a Cabo Delgado per poi proseguire per Durban e l’Europa, si ha l’idea di una regione piuttosto permeabile.

Da qui la facilità con cui hanno fatto il loro ingresso le idee fondamentaliste di cui si ha notizia ancora prima della scoperta delle risorse a Cabo Delgado. La fondazione di una setta, a cui partecipano tra l’altro anche figure provenienti dalla Tanzania e da altri Paesi africani, risale al 2007. Solo negli anni successivi questa setta, dopo l’addestramento locale e l’indottrinamento religioso all’estero di alcuni aderenti, si trasforma in un gruppo armato, facendo successivamente proseliti anche in altre zone del nord e del centro del Paese”. 

Gli obiettivi militari di al-Shabaab, all’avvio delle operazioni, si trovano proprio lungo la costa, “in centri che sono abitati perlopiù da Mwani, come Mocimboa da Praia, Monjane e Mucojo”, spiega Diamantini. “Al-Shabaab si muove come se in questi assalti avesse avuto degli scopi premeditati: in primo luogo l’eliminazione di leader civili e religiosi. Infatti vengono uccisi religiosi musulmani e viene bruciato il Corano, perché si vuole mettere in discussione il modo con cui si pratica la religione, in nome dell’interpretazione autentica del Corano: non per nulla viene riportato che l’invocazione più frequente durante gli assalti è proprio ‘Sunnah’, ossia il codice di comportamento religioso. Solo successivamente compaiono il richiamo alla Jihad e alla creazione di uno stato autonomo”. 

C’è quindi un primo elemento che ha poco a che vedere con le risorse e con l’eldorado teatro degli scontri tra il gruppo di al-Shabaab e le milizie assoldate dal governo mozambicano: “è la scelta di giovani che anche altrove hanno abbracciato l’estremismo, indipendentemente dalle proprie condizioni economiche e da quelle della popolazione in mezzo alla quale vivono”, afferma Diamantini. “Quando penso alla versione mozambicana di al-Shabaab, quello che mi viene in mente è Boko Haram in Nigeria”. Anche Eric Morier-Genoud, ricercatore della Queen’s University di Belfast che studia la storia dell’Africa lusofona, ha usato questo paragone per descrivere il movimento estremista mozambicano. 

Se è vero che le risorse presenti a Cabo Delgado non sono la causa scatenante del conflitto in corso, è necessario ricordare che la questione delle risorse non scompare ma, anzi, riemerge con forza. “Al-Shabaab non acquista certo credito tra la popolazione provocando centinaia di migliaia di sfollati e morti indiscriminate”, dice il professore. “Quindi com’è che questo gruppo trova il consenso e si alimenta? E qui veniamo alla questione delle risorse, il secondo fattore in gioco”. 

Le risorse tra epoca coloniale e ricostruzione post-guerra civile

“Uno dei primi gruppi a raggiungere al-Shabaab, ancora prima dell’assalto a Mocimboa da Praia del 2017, è quello formato da alcuni garimpeiros, i cercatori che estraggono abusivamente i rubini”, spiega Diamantini. “I garimpeiros erano stati attaccati da milizie private assoldate dalla Montepuez Ruby Mining, che ha in concessione la miniera di Cabo Delgado. Come è documentato, in seguito all’attacco i cercatori di rubini entrano nelle fila di al-Shabaab, nome con cui vengono chiamati i Machambabos”. 

Molte delle risorse che giacciono in Mozambico sono state scoperte solo in anni recenti. Alcune, però, erano conosciute già durante il periodo coloniale: il carbone delle miniere di Moatize e l’acqua dei fiumi che attraversano il Paese, tra cui lo Zambesi. Ma non vengono sfruttate. “Fino al 1942, il Portogallo delega la gestione di gran parte della colonia a compagnie concessionarie private, soprattutto a capitale inglese”, racconta il professore. “In cambio di cosa? Delle imposte pagate dalle compagnie, le quali a loro volta si rifanno con gli interessi sulla popolazione africana. In pratica, il Portogallo cede la propria sovranità sulla colonia e ne ha in vantaggio proventi sicuri, oltre al fatto di non dover investire capitali. È esattamente quello che fa oggi il governo mozambicano quando, ad esempio, dà in concessione le miniere di carbone alla Vale, uno dei più grandi gruppi minerari del mondo, oppure i giacimenti di gas alle compagnie petrolifere. Gli investitori dispongono a tutti gli effetti delle risorse, il governo mozambicano, senza fare alcun investimento, ha in cambio i proventi dell’atto di concessione. Ma il problema non è tanto questo, quanto l’uso che viene fatto di questi proventi oltre che la delega delle scelte di sviluppo a investitori privati”. 

Il governo portoghese, nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, si limita a realizzare il collegamento ferroviario tra il giacimento minerario di Moatize e la linea ferroviaria che congiungeva Beira con il Nyassaland (oggi Malawi) e, assieme al Sudafrica, la diga di Cahora Bassa. 

Lo sfruttamento delle risorse ha inizio anni più tardi, dopo l’indipendenza, con alcuni antefatti. “Nel 1984 il governo mozambicano si accorda con il Fondo Monetario Internazionale e con la Banca Mondiale per una ‘liberalizzazione’ dell’economia”, racconta Diamantini. “Teniamo presente che il Frelimo, il partito al governo, aveva optato per il marxismo-leninismo, e quindi per un’economia controllata dallo Stato. Questo accordo prelude al cambiamento che avviene nel 1989, quando il Frelimo rinuncia esplicitamente all’opzione marxista-leninista”. Un’altra tappa che apre allo sfruttamento delle risorse è l’ingresso del Mozambico nella Comunità di Sviluppo dell’Africa Australe nel 1999, “ovviamente – come ci spiega Diamantini – in funzione della riabilitazione delle infrastrutture di trasporto che erano andate distrutte durante la guerra”. Infrastrutture che da un lato garantiscono al Sud Africa l’accesso al porto di Maputo e dall’altro permettono di avviare lo sfruttamento delle miniere di carbone. 

La scoperta dei rubini a Montepuez, del gas a Palma e della grafite a Ancuabe, tutte località situate nella provincia di Cabo Delgado, è successiva. “Non sono molto convinto, però, che questi giovani estremisti avessero consapevolezza di tutte queste cose”, aggiunge il professore. “Certamente sapevano dell’espulsione dalla terra nei giacimenti di Montepuez e avevano sotto gli occhi i cambiamenti che stavano investendo Palma e il sottostante promontorio di Afungi dove a un certo punto la Total avvia i lavori per la realizzazione della Cidade do gas”.

“Ma una cosa è evidente – continua il professore – se teniamo presenti da un lato la povertà della popolazione, le disuguaglianze sociali e la corruzione dilagante, e dall’altro l’arricchimento di pochi e la creazione di strutture moderne ed efficienti destinate però ad attività in cui la popolazione locale non trova spazio, non possiamo sorprenderci del senso di esclusione e del risentimento contro il governo, così come del fatto che questo stato di cose diventi una leva per il reclutamento, da parte di al-Shabaab, di giovani ai quali, come ha affermato il vescovo di Pemba, è negato il futuro”. 

Ed è proprio contro il partito di governo, il Frelimo, che al-Shabaab lancia di continuo le proprie invettive. 

“Maledizione delle risorse” in Mozambico

Lo sfruttamento delle risorse da parte di terzi non riguarda solo ed esclusivamente Cabo Delgado, ma abbraccia purtroppo tutto il Mozambico. A quello delle risorse naturali e della terra si aggiunge anche lo sfruttamento intensivo delle foreste, il cui legname è destinato in gran parte alla Cina. 

“La domanda che, giunti a questo punto, ci dobbiamo porre è: a favore di chi interviene lo sfruttamento delle risorse?”, si chiede Diamantini. “Innanzitutto a favore delle stesse compagnie concessionarie, poi a favore delle élite che governano il Paese. I proventi, soprattutto in tasse, dell’estrazione dei minerali, della produzione elettrica, del land grabbing e della stessa produzione industriale – si pensi alla Mozal, il grande impianto di alluminio che opera vicino alla capitale – rimangono in larga parte a Maputo, dove alimentano oltre alle élite la crescita di un ceto medio che non è presente in altre città. Non vengono di certo impiegati per attivare politiche credibili di sviluppo per l’insieme del Paese”. 

Qui entra in gioco un concetto che gli economisti chiamano resource curse (“maledizione delle risorse”). “La maledizione delle risorse fa riferimento proprio a questo stato di cose – chiarisce il professore – che possiamo riassumere così: se la presenza di grandi risorse e di un enorme potenziale di ricchezza torna a vantaggio di pochi e non riesce a tradursi in politiche di sviluppo rivolte all’insieme della popolazione – soprattutto a causa della corruzione e del malgoverno – si ingenerano disuguaglianze tali da produrre una perenne situazione di instabilità che alimenta i conflitti”. 

Come appalta le risorse, il governo mozambicano “ha appaltato” anche la gestione del conflitto

Nell’affrontare il conflitto, il governo mozambicano sta replicando lo stesso schema che utilizza per gestire le risorse. Oltre alle forze governative, la FADM (Forze Armate del Mozambico) e la UIR (Unità di Intervento Rapido), per combattere contro al-Shabaab e per difendere i siti dove vengono estratte le risorse il governo mozambicano ha assoldato alcune compagnie militari private, prima fra tutte la Dick Advisory Group, fondata dal colonnello sudafricano Lyonel Dick. La sola risposta militare, per di più affidata a truppe speciali se non a mercenari, è secondo il professore il terzo fattore che agisce nel conflitto di Cabo Delgado.

Entrambe le parti – forze governative e chi per loro da un lato e gruppo estremista dall’altro – violano il diritto internazionale umanitario, il quale sancisce che in un conflitto armato i civili non possono mai essere oggetto d’attacco. “All’inizio del conflitto le truppe governative  hanno colpito indiscriminatamente tutti coloro che si professano musulmani, perché accomunati ad al-Shabaab”, spiega Diamantini. “Questo nonostante la presa di distanza delle autorità religiose musulmane. Ciò ha spinto altri giovani a unirsi ad al-Shabaab. Quanto ai mercenari che combattono per conto del governo, è provato che mentre utilizzavano gli elicotteri in attacchi contro i jihadisti hanno sparato sulla popolazione civile con cui questi ultimi si erano mescolati. Dall’altra parte ci sono i crimini che commettono di continuo i jihadisti, in cui ritroviamo il campionario cui ci hanno abituato in questi anni le cronache,  comprese le decapitazioni e il rapimento delle donne e di giovani adolescenti. Insomma, una spirale infernale”. Uccisioni e violenze indiscriminate che concorrono all’esasperazione di un conflitto la cui soluzione è affidata, al momento, esclusivamente alle armi. 

Conclusione

Riepiloghiamo quindi le tre concause del conflitto mozambicano indicate dal professor Diamantini. 

La prima è la radicalizzazione di alcuni giovani musulmani che hanno formato un gruppo jihadista che i locali chiamano Machababos, dal somalo al-Shabaab (“la gioventù”). Si tratta soprattutto di Mwani, una popolazione di Cabo Delgado dedita al commercio costiero e quindi in contatto da sempre con il mondo musulmano. Questa radicalizzazione è intervenuta con la presenza, a Cabo Delgado, di estremisti islamici provenienti soprattutto dalla Tanzania. Viene riportato che tuttora nella leadership di al-Shabaab sono presenti tanzaniani e altri stranieri. Non ha trovato però riscontro l’affiliazione di al-Shabaab allo Stato Islamico, anche se appare evidente che la prosecuzione del conflitto potrebbe spingere a questo connubio.

La seconda, invece, è il modo con cui il governo mozambicano gestisce – o meglio, non gestisce – le risorse, appaltando a grandi investitori stranieri il loro utilizzo. Il governo mozambicano, in tutto ciò, accumula le tasse pagate dai concessionari. Questi proventi vengono ripartiti privilegiando pochi gruppi sociali. Questo mantiene il Paese e in particolare le province di Niassa, Nampula e Cabo Delgado in uno stato di povertà in cui soprattutto i giovani non ravvedono un futuro, diventando preda della propaganda jihadista.

La terza e ultima causa è la violenza con cui viene gestito il conflitto di Cabo Delgado, che non risparmia neppure la popolazione. Una violenza che, come avviene con la gestione delle risorse, viene anche appaltata. Alle due fazioni in campo, al-Shabaab e le milizie governative, si aggiungono infatti i mercenari pagati dal governo mozambicano e dalle compagnie private assoldate per difendere i giacimenti di minerali e per debellare l’estremismo islamico. La violenza indiscriminata, che si iscrive in una risposta esclusivamente militare ai jihadisti, finisce con l’esacerbare la popolazione spingendo alcuni, fosse solo in cambio di cibo, vestiario e soldi, a schierarsi con il campo jihadista.  

Per concludere, affrontiamo una questione legata al land grabbing  che però riguarda da vicino il tema delle risorse. “C’è un’obiezione ricorrente, a fronte delle critiche all’accaparramento della terra, ed è: Vogliamo continuare ad alimentare l’agricoltura familiare quando questa non ci porta fuori dalla povertà?”, spiega Diamantini. “Quindi perché non sostituire l’agricoltura familiare con un’agricoltura intensiva, che produce più reddito?”. 

Ricordiamo che l’aumento del Prodotto interno lordo non garantisce da solo la sostenibilità economica, la quale a sua volta non può essere disgiunta da quella sociale e ambientale. Il PIL in tal senso è un pessimo indicatore: servono anche politiche credibili di sviluppo e di redistribuzione delle risorse. “Se tutto si svolgesse altrove e in un’altra epoca, l’obiezione alla quale ho fatto riferimento potrebbe avere un fondamento. In fondo è quello che è accaduto in Europa e in altre parti del mondo. Ma in tanti Paesi africani, oggi, l’espulsione dalla terra non è compensata da un posto di lavoro in fabbrica, come accadeva in Inghilterra durante la rivoluzione industriale. Non è compensata da nulla, tanto meno da politiche pubbliche che consentano l’ingresso in altri settori dell’economia. Non è compensata neppure da altra terra, visto che nei casi che abbiamo sotto gli occhi ai contadini viene riassegnata terra non fertile”, conclude Corrado Diamantini. “Alle politiche pubbliche è strettamente legata anche la questione delle risorse. Per i rubini, il gas e tutte le altre risorse presenti in Mozambico, si coinvolga pure una grande impresa nel loro sfruttamento, visto che sa come farlo e ha i capitali per farlo. Ma senza farne un soggetto extraterritoriale che compie a piacimento scelte, legate allo sviluppo, che coinvolgono poi i luoghi di vita, le infrastrutture e l’ambiente. E poi si vincoli la concessione alla realizzazione di progetti rivolti a migliorare sostanzialmente le condizioni di vita delle popolazioni locali oltre che all’esborso di oneri fiscali commisurati ai guadagni. Per costruire finalmente, con questi proventi, le basi per lo sviluppo di un Paese che, mentre combatteva il colonialismo, sognava di conquistare  dignità e  benessere”.

Bibliografia

Amnesty International, What I saw is death. War crimes in Mozambique’s forgotten cape, Amnesty International 2021

Les Amis de la Terre France, De l’Eldorado Gazier au Chaos. Quand la France pousse le Mozambique dans la piège du gaz, Juin 2020

Observatorio do Meio Rural, Caracterização E Organização Social Dos Machababos A Partir Dos Discursos De Mulheres Raptadas, aprile 2021

Marco Di Liddo e Elisa Sguaitamatti, I primi attacchi di matrice jihadista in Mozambico, Centro Studi Internazionali, 21 dicembre 2017

Cabo Delgado. Emergenza sfollati, Medici con l’Africa Cuamm, 18 marzo 2021

Marina Forti, La “maledizione delle risorse” che piega il Mozambico, Altreconomia, 1 dicembre 2020

Sandro Pintus, Giacimenti di gas nel nord del Mozambico sono una bomba ecologica a tempo, Africa ExPress, 24 giugno 2020

Joseph Cotterill, Il Mozambico si affida ai mercenari nella lotta contro i jihadisti, Financial Times (ripreso da “Internazionale”), 19 marzo 2021

Bambini ferocemente assassinati in Mozambico, Save The Children, 16 marzo 2021

Matteo Savi, Mozambico: il boom delle risorse e i suoi rischi, Lo Spiegone, 1 febbraio 2019

UNDP, Human Development Report 2019, 2019, New York (hdr.undp.org/sites/default/files/hdr2019.pdf)